Un “Presepe Biblico” tra storia e comunità

Pubblicato: lunedì, 10 dicembre 2018
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
1

Lo vedi e già si capisce che non è il solito Presepe, è quello che abbiamo visitato all'interno della chiesa del "SS Angelo Custode" in pieno centro storico ad Alcamo

Dall'Eden alla Resurrezione di Gesù incastonati perfettamente in una scenografia dalle tinte forti e dal significato religioso che si può "toccare con mano". Un Presepe che lascia senza parole e da' spazio al piacere interiore e contemporaneamente porta la mente in quei luoghi e fa rivivere con estrema concretezza le scene raffigurate, come, per esempio, l'eden, con accorgimenti che richiamano la Sicilia, come se l'eden fosse la Sicilia - sottolinea l'artista alcamese Sabrina Laudicina - che si è occupata di creare delle tele che richiamassero le scene bibliche, e - come conferma Giuseppe Rimi, dell'associazione culturale "Cassaru" - l'artista ha creato le sue opere talmente bene che sembrano un unico progetto.

Si può rivivere l'Annunciazione, la Nascita, il Battesimo, l'Ultima Cena, la Resurrezione e tanto altro, come se fosse un viaggio logico e vero lungo quell'affascinate via che è la Storia. Un progetto che ha visto un bel gruppo di persone lavorare per mesi, che però oltre al bel risultato del Presepe, ha permesso momenti di socializzazione e compartecipazione. Il Presepe unisce, verrebbe da dire, un'unione che sa di tradizione e voglia di lasciare una testimonianza che possa diventare bagaglio culturale di giovani e meno giovani.

L’apertura ai visitatori sarà tutti i giorni dalle ore 16,30 alle ore 21,00. L’ingresso è gratuito.

Letto 1138 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>