“Cristiani e Musulmani nei secoli”: il libro di Michele Antonino Crociata sarà presentato nell’aula “Piersanti Mattarella” del Palazzo Reale di Palermo

Pubblicato: mercoledì, 7 novembre 2018
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

PALERMO. “Cristiani e Musulmani nei secoli… -Affresco delle due religioni monoteiste e dei loro incontri e scontri” (Dario Flaccovio editore): è il nuovo lavoro storiografico del professore Michele Antonino Crociata che sarà presentato giovedì 8 novembre, alle ore 16, nell'aula “Piersanti Mattarella” (Sala Gialla) del Palazzo Reale di Palermo.

Sarà introdotta e moderata da Bartolo Sammartino presidente dell’Accademia nazionale della Politica. Previsti i saluti del presidente dell’ARS Gianfranco Miccichè, di Antonino Di Janni, delegato-vicario per la Sicilia del sacro militare ordine costantiniano di San Giorgio e del sindaco di Castellammare del Golfo Nicolò Rizzo. Quindi l’intervento del giornalista e direttore del museo del Risorgimento di Palermo Pasquale Hamel, seguito dalla relazione del giornalista e scrittore Magdi Cristiano Allam; subito dopo libero dibattito e l’intervento del docente di Lettere e presidente della fondazione culturale “Thule” Tommaso Romano. Gli intermezzi musicali e canori saranno curati da “I solisti dell’Operalaboratorio” di Palermo. Alla fine dell’incontro l’autore omaggerà ai presenti una copia del libro.

Sinossi dell’opera:

“Questo  vibrante libro di storia e di attualità che analizza un problema complesso e da sempre irrisolto; un evento epocale, che ancora oggi assilla il mondo e, in particolare, l’Italia e l’Europa dopo le inondazioni barbariche (secoli II-V d. C.) e dopo gli incontri e scontri, spesso catastrofici, degli ultimi 14 secoli –si legge nella descrizione- L’esperienza delle odierne migrazioni afro-asiatiche nel vecchio continente mira o no alla definitiva sostituzione etnica dei popoli europei? Dopo Costantinopoli (1453), cioè, adesso toccherebbe a Roma? È, dunque, urgente e indispensabile prendere coscienza del fenomeno e sapere agire, reagire e interagire nei modi appropriati. Si tratta, dunque, di un’opera che merita di esser fatta propria da tutti coloro che avvertono la gravità dei dinamismi dell’evento e che, inoltre, suggerisce soluzioni che senza dubbio vanno tenute in grande considerazione per confutare quelle interpellanze della storia asservite alle preoccupanti pretese del tempo presente”.

Letto 355 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>