Utilizzo dello Street Control e debiti fuori bilancio, rinviata la discussione sulla Tangenziale Nord

Pubblicato: giovedì, 4 ottobre 2018
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Una nuova seduta del Consiglio Comunale di Alcamo all'insegna di due interrogazioni (Street Control e Tangenziale Nord) e tre debiti fuori bilancio

La seduta è entrata nel vivo con le interrogazioni, una con relatore il Consigliere Comunale Sucameli di Sicilia Futura e una del Consigliere ABC/Alcamo Cambierà Gino Pitò.

La prima riguardava al Tangenziale Nord, ma è stata rinviata al punto successivo perché non era presente l'Assessore competente in materia, Vittorio Ferro.

Si è passata alla Interrogazione successiva, cioé quella sullo Street Control e in particolare i risultati dell'utilizzo di questo strumento, anche se questo è stato la scusa per parlare di viabilità e della reazione dei cittadini.

Relatore dell'Interrogazione è stato Giacomo Sucameli di Sicilia Futura, anche se l'interrogazione era stata presentata a Giugno, quando Sucameli faceva parte del gruppo consiliare del Partito democratico. Andando al succo dell'Interrogazione, Sucameli ha parlato di 1816 multe in 6 mesi con lo street control, di cui 1762 per sosta irregolare, ma la sua interrogazione poneva delle questioni che andavano oltre le multe, cioé il sistema del traffico e la questione doppia fila che si ripete. Il Consigliere di Sicilia Futura ha in particolare sottolineato che l'intento è capire se dal punto di vista programmatico si sta operando, per esempio sui ticket, sui posteggi a pagamento e se, in particolare, si sta lavorando per creare le alternative alle auto.

"Un traffico impazzito - afferma Sucameli - con il corso stretto chiuso e quindi le auto dirottate in altre vie. Oltre lo street control, necessitano altre novità, perché oltretutto sembra che non abbia disincentivato la doppia fila".

A rispondere a Sucameli l'Assessore Butera, anche se questi sottolinea che sono "temi interessanti, ma non più di mia competenza". L'Assessore inizia con il sottolineare che "solo repressione è insufficiente, ma che è uno strumento per educare la popolazione" e ha continuato:" Prima i vigili prima bloccavano una macchina e gli altri in doppia fila andava via, invece con lo Street control non solo il primo è sanzionato". Poi andando sui dati ha affermato che moltissimi cittadini multati hanno pagato, quindi una prova che i cittadini hanno capito, quindi "lo Street control non risolve tutti i problemi, ma forma i cittadini". In riferimento agli altri strumenti, sui parcheggi a pagamento ha dato notizia che ancora non c'è la gara, anche se si è molto vicini a realizzarla. Sulla nuova viabilità Butera ha detto che quest'anno si dovrebbe realizzare il Piano del Traffico e infine sul Bus cittadino ha ribadito che c'è il finanziamento per acquistarne uno, anche se "non sufficiente, ma è un inizio". Dopodiché Butera ha ribadito un suo pensiero che è quello che "come mezzi alternativi esistono i piedi e le bici per i tragitti più lunghi".

Nella contro risposta Sucameli ha ricordato che è da 2 anni e mezzo circa che c'è questa amministrazione e oltre al traffico altere cose non vanno, come raccolta rifiuti e abbandono animali. Sul versante del traffico il Consigliere ha sottolineato che il problema non è presenta da oggi, ma "mi piacerebbe vedere Alcamo meno trafficata. L'amministrazione giovane in 2 anni e mezzo ha messo qualche divieto di sosta e Street control e niente più. Amministrare è difficile ma si è visto poco.

"Si è lavorato poco sulla sensibilizzazione - conclude Sucameli - e quindi chiediamo che qualcuno che faccia capire comunità che è necessario il rispetto della cosa pubblica".

Dopo questa discussione si è passato a quella che era stata rinviata della Tangenziale Nord, ma come in prima istanza mancava l'Assessore Ferro, quindi il relatore dell'Interrogazione, Gino Pitò, ha deciso di ritirare l'interrogazione e il Presidente del Consiglio Comunale, Baldo Mancuso, ha affermato che sarà inserita in una prossima seduta del Consiglio Comunale. Da sottolineare che Pitò nel ritirare l'interrogazione ha specificato: "L'Interrogazione è del 1 Agosto, la risposta è arrivata il 24 Settembre, oggi è il 3 Ottobre. Nell'interrogazione si evince che il prossimo passo per la Tangenziale Nord sarà a marzo 2019, significa che quest'opera non è considerata prioritaria. Stiamo parlando dell'opera principale che il comune dovrebbe realizzare, ma a quanto pare interessa poco, quindi il dibattito lo possiamo spostare".

Finita la fase delle Interrogazioni l'aula ha dibattuto su tre debiti fuori Bilancio.

Il primo con votazione favorevole di 19 dei presenti, 2 contrari (Sucameli e Calandrino) e 1 astenuto (Cracchiolo).

Il secondo 15 favorevoli, 1 contrario (Sucameli) e 2 gli astenuti (Calandrino e Norfo).

Il terzo 18 favorevoli, 1 contrario (Sucameli) e 2 gli astenuti (Calandrino e Norfo)

Letto 910 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>