La cucina castellammarese “conquista” la Svizzera con lo chef Mirko Catanzaro

7498

Masterclass dello chef castellammarese Mirko Catanzaro nel cuore della Svizzera

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Il castellammarese Mirko Catanzaro, chef e proprietario del ristorante Mirko’s, è stato protagonista di una masterclass di cucina siciliana a Ginevra, nel cuore della Svizzera. Lo scorso 27 aprile è volato in terra svizzera per far scoprire piatti e prodotti tipici della cucina siciliana su invito della signora Yulia Koulikova che, insieme ad alcuni cittadini svizzeri, ha organizzato l’evento in collaborazione con l’AIGS e “Quelli dell’Aperitivi Italiano” di Ginevra.

Lo chef Mirko, che da anni gira il mondo alla ricerca di idee per i suoi piatti, in una struttura pubblica di Ginevra  ha spiegato ad un gruppo di circa 40 appassionati di cucina, provenienti da Russia, Francia, Italia e Svizzera, come nascono alcuni dei piatti più famosi della tradizione siciliana: dai piatti a base di pesce fino allo street food siciliano: “Sono riamasti estasiati dalla cucina siciliana. – ha affermato Mirko ad Alqamah.it – In particolare sono rimasti colpiti dai piatti rivisitati della cultura storica/concettuale siciliana e dal nostro street food: soprattutto dalle panelle e dallo sfincione.” Quella di Mirko è stata una lezione molto partecipata non solo per il numero dei partecipanti, ma soprattutto per la mole di domande sulla realizzazione dei piatti. “Sono andati letteralmente fuori di testa, – sottolinea Mirko sorridendo – hanno apprezzato molto la nostra “pasta alla norma” e la sua storia, oltre alla mia rivisitazione della “norma” che ho chiamato cavatuna senza sucu: il nome viene dalla sua preparazione, infatti, tramite un particolare sistema di filtraggio, il sugo della pasta non si vede ma c’è” . Oltre alla “norma”, tra i piatti presentati dallo chef Mirko anche la “pasta con il nero di seppia”, il pesce cucinato “alla siciliana” e altri piatti tipici, tutti rigorosamente con olio di oliva proveniente da Castellammare.

L’intera lezione è stata tradotta in russo, italiano, inglese e francese e a fine corso è stato consegnato ad ogni partecipante un attestato dell’AIGS (Accademia Italiana della Gastronomia Storica) di cui Mirko è ambasciatore per la città di Castellammare del Golfo. All’organizzatrice dell’evento è stato invece consegnato il gagliardetto della città di Castellammare: “È stata un’esperienza davvero significativa, sono molto soddisfatto  del successo ottenuto a Ginevra. I partecipanti sono rimasti molto colpiti dalla nostra cucina e verranno presto a visitare la Sicilia e soprattutto Castellammare del Golfo. Per una sera abbiamo “fuso” la cucina siciliana con quella ginevrina. Un evento che sicuramente si ripeterà in futuro. Ringrazio – conclude Mirko Catanzaro – tutti i partecipanti, gli organizzatori e la cantina Terre di Bruca per avermi supportato”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrapani, protocollo operativo per la Prevenzione e Repressione degli incendi Boschivi
Articolo successivoRifiuti indifferenziati si passa ad un turno. Ecco il nuovo calendario.
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.