Alcamo Bene Comune: “Chi subisce violenza spesso deve lottare non solo contro le botte e le offese, ma anche contro una società sorda e muta”

Pubblicato: sabato, 25 novembre 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Nella giornata contro la violenza sulle donne si segnala un comunicato del Movimento Alcamo Bene Comune

"Ogni giorno tante, troppe donne subiscono maltrattamenti.

La violenza è un evento tragico e doloroso che che lascia ferite profonde sulle vittime. ABC dice basta alla violenza, parlando di violenza.  Chi subisce violenza spesso deve lottare non solo contro le botte e le offese, ma anche contro una società sorda e muta. Nessuna donna maltrattata dovrebbe sentirsi sola e abbandonata. Nella giornata contro la violenza sulle donne, ABC vuole offrire il proprio contributo , ricordando che la violenza si combatte superando il muro dell’indifferenza che troppe volte avvolge la vittima. Al silenzio delle violenze domestiche, abbiamo l’obbligo di opporre parole in grado di costruire una cultura di rispetto e comprensione. Le parole hanno il potere di demolire quegli stereotipi e quei pregiudizi che ingabbiano la donna in una condizione di emarginazione e sofferenza. Servono parole di rispetto ed equità per rendere la violenza sulle donne un fenomeno visibile,sempre. È importante che ogni donna vittima di violenza percepisca di non essere sola, ma piuttosto di essere affiancata da una società in grado di dare voce e accoglienza alla sua sofferenza. Le donne e gli uomini di ABC si augurano una comunità che mantenga sempre elevata l’attenzione contro il fenomeno della violenza e di creare occasioni di dialogo e confronto tra i cittadini così da contribuire alla costruzione di nuove sensibilità e creare reti di sostegno e tutela".

Letto 928 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>