Totò Riina è morto all’alba

Pubblicato: venerdì, 17 novembre 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

La fine del capo dei capi di Cosa nostra

Il boss corleonese Totò Riina è morto questa mattina alle 3,37 nel reparto detenuti dell’ospedale di Parma. Aveva appena compiuto 87 anni. Operato due volte nelle scorse settimane, dopo l’ultimo intervento era entrato in coma.  Riina, per gli inquirenti, nonostante la detenzione al 41 bis da 24 anni, era ancora il capo di Cosa nostra. Malato da tempo, il capomafia era in coma farmacologico da giorni. Arrestato il 15 gennaio del 1993 dopo 24 anni di latitanza, era ancora considerato dagli inquirenti il capo indiscusso di Cosa nostra.  Con parere positivo della Procura nazionale antimafia e dell’amministrazione penitenziaria il ministro della Giustizia Andrea Orlando aveva firmato il permesso per consentire alla moglie e ai figli di visitare Riina in ospedale.

Salvo Riina, terzogenito dei quattro figli del boss, ieri aveva scritto su Facebook: «Per me tu non sei Totò Riina, sei il mio papà. E in questo giorno per me triste ma importante ti auguro buon compleanno papà».

Condannato a 26 ergastoli

Riina stava scontando 26 condanne all’ergastolo per decine di omicidi e stragi tra le quali quella di viale Lazio, gli attentati del ’92 in cui persero la vita Falcone e Borsellino e quelli del ’93, nel Continente. Sua la scelta di lanciare un’offensiva armata contro lo Stato nei primi anni ’90. Mai avuto un cenno di pentimento, irredimibile fino alla fine, solo tre anni fa, dal carcere parlando con un co-detenuto, si vantava dell’omicidio di Falcone e continuava a minacciare di morte i magistrati. Lo scorso febbraio il boss ribadiva, parlando con la moglie Antonietta Bagarella: «Io non mi pento... a me non mi piegheranno». L’ultimo processo a suo carico, ancora in corso, era quello sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, in cui era imputato di minaccia a Corpo politico dello Stato.

In gravi condizioni

Nelle ultime settimane Riina era stato operato due volte. I medici avevano da subito avvertito che difficilmente il boss, le cui condizioni erano da anni compromesse, avrebbe superato gli interventi. Sembra che dopo le operazioni siano intervenute complicazioni che hanno costretto i medici a sedare il boss mafioso.

Una “morte dignitosa”

Si parla da tempo delle condizioni di salute di Totò Riina. La scorsa estate si è dibattuto sulla possibilità che il “capo dei capi” potesse uscire dal carcere per affrontare una “morte dignitosa”. Il Tribunale di Sorveglianza di Bologna aveva infine rigettato la richiesta del differimento della pena o, in subordine, della detenzione domiciliare, presentata dai legali del boss. I giudici in quell’occasione avevano ribadito che Riina «non potrebbe ricevere cure e assistenza migliori in altro reparto ospedaliero».

Anche Rosy Bindi, presidente della Commissione parlamentare antimafia, aveva detto che «non esiste il diritto alla morte fuori cella». La Direzione investigativa antimafia a luglio aveva ribadito che il boss era ancora «a guida di Cosa nostra, a conferma dello stato di crisi di un’organizzazione incapace di esprimere una nuova figura in sostituzione di un’ingombrante icona simbolica».

Il silenzio dei parenti delle vittime

Saputa la notizia delle gravi condizioni di Riina, Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via Georgofili a Firenze, ha commentato: «Iddio abbia pietà di lui, noi non abbiamo potuto perdonarlo e ci spiace muoia ora che forse si potrebbe arrivare a capire chi gli ha armato la mano per ammazzare i nostri figli, malgrado lui il capo della mafia non si sia mai pentito. Ho parlato ora con i parenti delle vittime della strage di via dei Georgofili e la risposta è stata il silenzio totale, hanno patito troppo per un uomo che tale non è mai stato».

fonte lastampa.it

Letto 1675 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>