«The Witness», condanne in appello

Pubblicato: martedì, 14 novembre 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

In secondo grado la mafia marsalese vede confermato il giudizio di colpevolezza

La Corte d’appello di Palermo ha confermato le condanne inflitte, l’8 giugno 2016, dal Tribunale di Marsala a tre dei quattro arrestati nell’operazione antimafia dei carabinieri «The Witness», del 9 marzo 2015. Gli imputati condannati sono Antonino Bonafede, 82 anni, pastore e vecchio «uomo d’onore», che secondo i magistrati della Dda aveva "ereditato" il bastone del comando in seno alla famiglia mafiosa di Marsala dal figlio Natale, in carcere dal gennaio 2003 con una condanna definitiva all’ergastolo; Vincenzo Giappone, di 55, anch’egli pastore, e Martino Pipitone, 67 anni, ex impiegato di banca in pensione, che in passato ha già scontato una condanna a 6 anni per mafia. Quest’ultimo, però, era stato assolto dal Tribunale marsalese dall’accusa di mafiosa, seppur condannato a due anni di reclusione per intestazione fittizia di una società ad altra persona «per evitare eventuale confisca da parte dello Stato». La pena più severa, 16 anni di carcere, il Tribunale l’aveva inflitta, invece, ad Antonino Bonafede, pur escludendone il ruolo di vertice in seno alla locale famiglia mafiosa. E la Corte d’appello ha confermato. La pena per Bonafede è stata "complessiva". Include, infatti, anche i 6 anni già scontati per una precedente condanna per mafia. Confermata anche la condanna a 12 anni di carcere, sempre per mafia, per Vincenzo Giappone, che sarebbe stato il cassiere della «famiglia» e il «primo collaboratore» di Bonafede.

fonte gds.it

Letto 362 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>