Giornata Nazionale degli Alberi, contrastare l’inquinamento dell’aria, prevenire il rischio idrogeologico e la perdita di biodiversità

Pubblicato: martedì, 14 novembre 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Si avvicina l’annuale appuntamento del 21 novembre, Giornata Nazionale degli Alberi e per celebrare questa Giornata, l’Amministrazione Comunale vuole promuovere nelle Scuole e in tutta la Città l’importanza del verde per contrastare le emissioni di CO2, l’inquinamento dell’aria, prevenire il rischio idrogeologico e la perdita di biodiversità.

“Martedì 21 novembre rinnoviamo a tutte le scuole, alle associazioni ambientaliste e culturali, alle parrocchie, ai centri diurni, ai condomini ecc., l’invito a mettere a dimora nuovi alberi: un’occasione per rendere più accoglienti e piacevoli gli spazi verdi della nostra Città, coinvolgendo bambini, ragazzi, insegnanti, genitori, anziani, volontari, ecc.. dichiara l’assessore ai servizi scolastici e al verde urbano del Comune di Alcamo, Lorella Di Giovanni.

"E a tale scopo – continua l’Assessore - l’Amministrazione Comunale vuole donare 150 piantine messe a disposizione dal Vivaio del Corpo Forestale regionale, sezione distaccata di Castellammare del Golfo”.

Si invitano gli interessati a presentare richiesta entro il 20 novembre 2017, inviando le domande all’indirizzo mail viparrino@comune.alcamo.tp.it. Nella domanda bisogna indicare il numero di piante richieste e il luogo della piantumazione. Il numero di piante richieste nella domanda avrà soltanto carattere indicativo, poiché l’Amministrazione si riserva di distribuire le piantine a disposizione, in numero tale da soddisfare la maggior parte delle domande ricevute, tenendo conto dell’ordine cronologico di ricevimento delle istanze.

Letto 246 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>