Pretende somme di denaro, distrugge il centro accoglienza e aggredisce i Poliziotti

Pubblicato: giovedì, 19 ottobre 2017
Vota l\'articolo
2
Vota l\'articolo
0

Nella mattina di lunedì 16 ottobre scorso, la Polizia di Stato ha tratto in arresto HYDARA Lamin, senegalese, classe 96’, per tentata estorsione e violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Questi i fatti.

Intorno a mezzogiorno, la Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Alcamo interveniva presso il Centro SPRAR di Via Pia Opera Pastore, a seguito della richiesta di aiuto da parte di un’assistente sociale della struttura.

La donna riferiva che, poco prima, un cittadino extracomunitario si era presentato presso il Centro accoglienza richiedendo, con fare minaccioso ed in stato di agitazione, il pagamento del c.d. “pocket money” (circa 45 euro).

Dinanzi al rifiuto da parte della stessa - motivato dal fatto che il soggetto ha concluso il progetto di accoglienza e, quindi, non vi aveva più diritto - il senegalese andava in escandescenza rompendo con un pugno una porta a vetri e con un sasso il finestrino di un’ambulanza della Croce Rossa parcheggiata all’interno del cortile della struttura.

Alla vista dei Poliziotti, il ragazzo si innervosiva nuovamente, cercando di aggredire l’assistente sociale, che veniva protetta dagli Agenti intervenuti, i quali si frapponevano tra la donna e lo stesso.

Dopo diversi tentativi di riportarlo alla calma e di instaurare un dialogo - dimostratisi inutili visto che nel frattempo il senegalese aveva rotto con un altro pugno anche una finestra e continuava a minacciare di morte tutti i presenti - i Poliziotti tentavano di allontanarlo dal Centro per evitare pericoli alle persone e ulteriori danni alla struttura.

Non contento, lo stesso si scagliava contro gli operatori di Polizia, colpendoli  con  calci e pugni. Con non poche difficoltà, veniva bloccato e condotto presso il  Commissariato, dove veniva dichiarato in arresto per tentata estorsione e violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, oltre ad essere denunciato a piede libero per danneggiamento aggravato e lesioni personali.

A seguito della convalida dell’arresto, l’Autorità Giudiziaria gli ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere presso la Casa Circondariale di Trapani.

Letto 1789 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>