Il Preside Piccichè a fianco dei genitori contrari all’accorpamento di alcune classi

Pubblicato: sabato, 9 settembre 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO. Anche il Preside dell'Istituto V.Fazio Allmayer di Alcamo, Vito Emilio Piccichè, da anni impegnato in tante battaglie per la crescita dell’Istituto, mostra la propria vicinanza alle istanze dei genitori contrari all’accorpamento di alcune classi. Situazione per la quale non verrebbe garantita una certa continuità didattica ad alcuni alunni dell’Istituto.

Piccichè che da sempre non si è tirato indietro nel risolvere alcune problematiche legate al proprio istituto commenta:  siamo solidali con i genitori e vicini alle loro legittime istanze. Senza sosta abbiamo sollecitato, per tutta l''estate, il provveditorato a mantenere le quattro classi del liceo linguistico per garantire il diritto alla continuità didattica ai nostri alunni.

La 2D linguistico – prosegue Piccichè - che è stata soppressa, è l'unica sezione del centro e meridione d'Italia in cui si insegna la lingua russa. Un vero peccato che i nostri sforzi per consentire ai nostri ragazzi, finiti gli studi, di trovare lavoro nel nostro territorio, viste le notevoli presenze russe, possano essere vanificati. Se riteniamo che il provveditorato garantirà almeno 3 ore di lingua russa e 1 ora di conversazione di lingua russa, per consentire ai nostri ragazzi di continuare a studiare questa importantissima lingua per il loro futuro, più complicata sarà la questione per avere autorizzata l'intera classe, in modo che rimangano le 4 classi seconde del nostro liceo linguistico. Siamo sempre vicini ai nostri ragazzi per offrire loro il migliore servizio possibile, fra mille difficoltà non ultima la questione dei locali del Viale Europa che ci tiene con il fiato sospeso.

Letto 1805 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>