Denunciato l’uomo che ha incendiato il portone del municipio ad Alcamo: un gesto di rabbia per il sussidio non ricevuto

Pubblicato: martedì, 29 agosto 2017
Vota l\'articolo
5
Vota l\'articolo
1

ALCAMO. I Carabinieri di Alcamo, hanno acciuffato in meno di 24 ore l'uomo responsabile dell’incendio del portone del Palazzo comunale di Alcamo, avvenuto nelle prime ore della mattina di sabato scorso.

Già prima di domenica mattina infatti, i Carabinieri di Alcamo avevano individuato il reo. Grazie ai filmati estrapolati dai sistemi di videosorveglianza privata presenti in centro storico, acquisiti nell’immediatezza dagli uomini dell’Arma, è stato possibile fornire un primo identikit del presunto incendiario. Dopo aver ritenuto, dalla visione dei frames, che quel soggetto immortalato fosse A.D.G., pregiudicato alcamese 33enne attualmente sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla p.g., i Carabinieri hanno proceduto immediatamente ad una perquisizione domiciliare a casa dell’uomo.

La velocità con la quale questo atto di ricerca è stato eseguito è stata la chiave di volta nelle indagini, consentendo infatti di ritrovare nell’abitazione dell’uomo i vestiti, peraltro già lavati e ancora umidi appesi ad asciugare, indossati dal medesimo per commettere il reato.

Posto di fronte all’evidenza del ritrovamento degli indumenti, che sono stati sequestrati,e incalzato dalle pungenti domande rivoltegli dai Carabinieri, il D.G. ha ceduto, confessando il reato e il movente: non ha agito per mandato di altri o per intimidire qualcuno con il più classico dei metodi mafiosi ma soltanto per rabbia, poiché si trovava in condizioni economiche disperate e, a suo dire, il comune sembra non essersi interessato al suo caso.

Lo stesso ha infatti dichiarato ai Carabinieri di Alcamo di aver, circa un anno prima, presentato in comune una richiesta di sussidio a cui non ha però mai trovato risposta. Con due figli da sfamare e senza un lavoro, anche a causa dei suoi numerosi precedenti di polizia che lo riguardano per furto, danneggiamento, rapina, resistenza e violenza a p.u., estorsione e associazione per delinquere, nella mattinata di sabato parrebbe aver agito di impulso: arrivato in piazza Ciullo con l’intento di rappresentare nuovamente le proprie difficoltà familiari al personale preposto del comune di Alcamo e,dopo essersi ricordato che il sabato gli uffici comunali sono chiusi, preso dalla rabbia e dallo sconforto, ha prelevato alcuni cartoni accatastati di fronte ad un esercizio commerciali di Corso Stretto e, dopo averli collocati di fronte alla porta principale del comune, li ha incendiati.

Le indagini immediatamente condotte dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Alcamo supportati dalla locale Stazione hanno consentito di far piena luce sulla vicenda e di denunciare il responsabile.

Tuttavia, l'attività dei Carabinieri della Compagnia di Alcamo non si fermano: sono infatti ancora in corso accertamenti volti ad individuare altri soggetti presenti in piazza al momento del fatto, inquadrati dalle telecamere di sorveglianza private che, privi di spirito civico, oltre a non essersi recati dalle Forze dell’Ordine per fornire indicazioni utili all’individuazione dell’autore del reato, hanno altresì omesso di contattare tempestivamente i soccorsi affinché l’incendio venisse tempestivamente estinto: per loro si ipotizza il reato di favoreggiamento personale.

Letto 9664 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>