Cancelleri e Di Maio al Municipio di Alcamo: “Siamo vicini al nostro Sindaco”. FOTO

Pubblicato: sabato, 26 agosto 2017
Vota l\'articolo
7
Vota l\'articolo
1

ALCAMO. Dopo l’atto intimidatorio di questa mattina al Comune di Alcamo, il Sindaco Domenico Surdi ha ricevuto la solidarietà dell’On Giancarlo Cancelleri, candidato alla Presidente della Regione Sicilia e del Vicepresidente della Camera del Deputati On. Luigi Di Maio. Dopo l’incontro di ieri sera ad Alcamo Marina, presente anche Alessandro Di Battista che oggi si è recato invece a Castellammare del Golfo, i due esponenti del movimento 5 stelle si sono precipitati in Piazza Ciullo al fianco del Sindaco Surdi.

Intorno alle 13 in piazza Ciullo, davanti il portone annerito, Di Maio e Cancelleri hanno manifestato solidarietà e vicinanza al Sindaco.

Il Sindaco Surdi parla di “atto intimidatorio”. “Sapevamo che sarebbe stato difficile, - scrive Surdi sulla sua pagina facebook - sapevamo che sarebbe servito parecchio tempo e soprattutto sapevamo che avremmo potuto infastidire qualcuno. Loro però non sanno che noi non molleremo e che i nostri ideali non bruceranno mai.”

Cancelleri ha sottolineato che i Sindaci sono stati lasciati soli dalla Regione, quindi occorre ricucire quel rapporto tra Regione e Sindaci. “La Regione Sicilia è stata totalmente assente, o addirittura è andata contro i Comuni.  Proprio per questo  vogliamo creare un assessorato per i Comuni”.

Luigi Di Maio ad Alqamah.it ha dichiarato: “Questo di oggi è un atto contro lo Stato. Un atto vile. Contro questi portoni  e contro i Sindaci spesso si scaricano, purtroppo, le frustrazioni di tanti cittadini che per anni hanno subito leggi scellerate dei Governi. L’Amministrazione Comunale andrà avanti, è l’unica strada da percorrere. Non sappiamo ancora la natura di questo atto intimidatorio, ma noi oggi vogliamo essere vivici a Domenico e a tutti i Sindaci che lavorano in condizioni difficili. Sono tante le intimidazioni contro i Comuni siciliani, non solo del Movimento 5 Stelle, tutti con motivazioni diverse, aspettiamo quindi il lavoro della magistratura, ma sono sicuro di una cosa: andremo avanti senza paura”.

Sul posto anche i Carabinieri che stanno cercando di risalire all’autore del gesto.

Letto 6524 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>