“Fazio può inquinare le prove”

Pubblicato: martedì, 27 giugno 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

La Procura di Trapani chiede il ripristino dei domiciliari per l'ex sindaco

E' stato rinviato al 5 luglio il giudizio del Tribunale delle Libertà di Palermo sul ricorso presentato dalla Procura di Trapani per richiedere gli arresti domiciliari di Girolamo Fazio, ex deputato regionale coinvolto nell'operazione Mare Monstrum assieme all'armatore Ettore Morace. Stamane i magistrati trapanesi hanno prodotto una memoria integrativa per opporsi al provvedimento di revoca dei domiciliari disposto dal gip del Tribunale di Trapani, lo scorso 3 giugno. Secondo la Procura, coordinata dal procuratore aggiunto Ambrogio Cartosio, in seguito alle dimissioni di Fazio da deputato dell'Assemblea Regionale Siciliana e alla sospensione della campagna elettorale alle Amministrative di Trapani, più del rischio di "reiterazione del reato" sussiste la possibilità di "inquinamento delle prove" da parte del politico trapanese. Per questo vengono richiesti gli arresti domiciliari nei suoi confronti. fonte Agi

Letto 1996 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>