Castellammare Calcio 94: “Memorial Matranga per unire e non per dividere”

Pubblicato: sabato, 10 giugno 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Polemiche sul Memorial Giorgio Matranga, esplicitata in una nota della società sportiva Castellammare calcio 94. Pubblichiamo per intero:

"In questi giorni, presso lo stadio comunale di Castellammare del golfo, si sta svolgendo la diciassettesima edizione Memorial Giorgio Matranga, per ricordare la figura di uno sportivo castellammarese venuto a mancare in giovane età, a causa di un assurdo incidente stradale mentre svolgeva il servizio militare.
Apprezziamo molto che ogni anno, attraverso questa manifestazione sportiva, venga ricordato un ragazzo che oltre ad essere stato un grande calciatore è stato un grande esempio di vita. Non sempre avviene infatti che dietro la figura di un grande sportivo coincida anche quella di un grande uomo. Giorgio Matranga lo è stato SICURAMENTE!!!! Per questo ci dispiace che gli organizzatori di un evento così significativo, non abbiano invitato a partecipare tutte le altre società di Castellammare, perché un uomo come Giorgio sicuramente avrebbe apprezzato che tutti i BAMBINI di Castellammare, a qualunque società appartenessero, potessero partecipare attraverso il gioco ,ad un evento così importante dedicato al suo ricordo. Auspichiamo quindi che nell'immediato futuro esempi come Giorgio Matranga vengano "usati" per aggregare, per superare le difficoltà e per unire, non certo per dividere; in quanto lo sport è lealtà, competizione e rispetto di se stessi e degli altri. Crediamo che questa sarebbe stata la volontà che Giorgio, attraverso il suo esempio di sportivo e di uomo avrebbe voluto lasciare a TUTTI I BAMBINI di Castellammare, TUTTI nessuno escluso !!".
Letto 1108 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>