Pensavano di rubare cavi di rame, vengono bloccati dai Carabinieri

Pubblicato: lunedì, 24 aprile 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Pensavano di mettere a segno un colpo grosso rubando cavi di rame dal dissalatore di Xitta e rivendendoli al mercato nero per trarne profitto. I loro piani sono però sfumati grazie all’intervento dei militari della Stazione Carabinieri di Paceco che li hanno bloccati mentre, dopo il furto, erano intenti a darsi alla fuga.

Nel tardo pomeriggio di venerdì 21 aprile infatti è finito in manette, con l’accusa di furto aggravato, Hazizllari Gazmend, classe 1987. Nella circostanza, sono stati denunciati a piede libero altri due soggetti, entrambi minorenni, ritenuti suoi complici.

I militari dell’Arma hanno notato un’autovettura nelle pertinenze della struttura destinata a pubblico servizio, con tre persone all’esterno dell’abitacolo.

Insospettiti, l’hanno raggiunta e hanno proceduto ad un controllo di polizia.

Notando l’atteggiamento particolarmente nervoso dei tre, uno dei quali indossava dei guanti da lavoro, i militari hanno approfondito il controllo, riscontrando la presenza, a poca distanza dal veicolo, di numerose matasse di cavi di rame, tranciate poco prima dagli stessi e pronte per essere trasportata altrove. In totale, venivano recuperati circa 200 kg di cavi di rame.

I malfattori sono stati accompagnati presso gli uffici della Stazione di Paceco. Il maggiorenne è stato quindi dichiarato in arresto e tradotto presso la casa circondariale di Trapani. I due minori sono stati invece denunciati a piede libero.

Al termine dell’udienza di convalida, svoltasi sabato mattina, il GIP del Tribunale di Trapani ha disposto per Hazizllari Gazmend l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Letto 2056 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>