Carmelo Morreale “L’arte è figlia della libertà, non della clausura”

Pubblicato: lunedì, 6 marzo 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Una lunga intervista-ritratto al pittore trapanese più discusso dell’ultimo mezzo secolo, Carmelo Morreale, dimenticato dalla società nella struttura dove è accudito da diversi anni, e una copertina realizzata di suo pugno per il sesto numero della svista artistica “L’Insonne”, il bimestrale indipendente di Trapani, edito dall’associazione culturale “Spazio OniricO”.

Morreale, al tramonto di una vita condotta tra genio e follia, si racconta da un "esilio" ingrato che lo sta progressivamente relegando nel dimenticatoio, tra vecchiaia e solitudine. “L’arte è figlia della libertà, non della clausura” dice a L’Insonne che lo ha raggiunto nella clinica belicina dove si trova.

“Il ‘Come non è’ – spiega la redazione del periodico - è il tema di questa sesta uscita che risveglia i fantasmi sopiti della città, messi a riposare, insieme alle nostre coscienze, nelle stanze di una casa di cura o nei cassetti delle nostre scrivanie, con i bozzetti e gli schizzi estorti per strada in cambio di un pacco di sigarette o di qualche litro di vino. Esistenze dimenticate e quindi ridotte a esseri che non sono, come quella di Morreale, emblema del trattamento che quest’Isola riserva all’arte e ai suoi artisti. Il dito non è puntato contro chi di queste vite fragili si sta prendendo cura, preservando l’uomo, ma indica la collettività che sta lasciando morire l’artista”.

Pubblicata su carta ecologica celeste ricavata da alghe provenienti da ambienti lagunari a rischio, l’ultima uscita del periodico racchiude contributi di artisti del territorio e non: dallo scrittore e docente trapanese Renato Lo Schiavo all’illustratrice sarda Carol Rollo e al vignettista d’origine palermitana Iuri Taormina.

L’Insonne è un’iniziativa di editoria creativa autonoma, nata da un’idea dei giornalisti e artisti Antonella Vella, Danilo Fodale, Tony Agueci e Marco Amico, ed è disponibile nei principali luoghi di produzione e fruizione della cultura del trapanese, tra cui la Libreria del Corso, il Museo d’arte moderna e contemporanea “La Salerniana”, la Biblioteca “Fardelliana” e l’associazione culturale “Spazio OniricO”, in via Orfani 48. La versione digitale è consultabile sulla pagina www.facebook.com/linsonne/.

Fonte. Comunicato

Letto 1232 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>