“Il Silenzio è mafia – da Impastato a Manca” regia di Alabrese e Sanna

Pubblicato: domenica, 26 febbraio 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

La prima edizione del “Teatro Festival – Città di Custonaci”, organizzata dalla Pro Loco di Custonaci in coproduzione con il Comune di Custonaci, propone un cartellone di spettacoli al Teatro Comunale, in Via Ugo Foscolo. Venerdì 3 marzo, alle ore 21.15 andrà in scena la tragedia teatrale “Il silenzio è mafia - da Impastato a Manca” con Claudia Gammicchia, Renato Bica, Roberto Valenti con la regia di Ivan Alabrese e Maria Enrica Sanna. Lo spettacolo rappresenta le storie di 4 personaggi (Peppino Impastato, Beppe Alfano, Ilaria Alpi e Attilio Manca) che si sono opposti, in modi diversi, alla mafia ed alla corruzione. Un momento di forte riflessione per il pubblico, un teatro d’impegno civile. «Lo spettacolo rappresenta alcuni momenti salienti della vita dei vari personaggi ricollocandoli a volte nel presente, a volte nel passato, con l’intento principale di poter rendere eticamente giustizia a queste persone. Lo spettacolo vuole dare voce anche al dolore di tutti i familiari delle vittime della mafia» così afferma il regista Ivan Alabrese. Primo personaggio rappresentato nella pièce teatrale è Giuseppe Impastato, detto Peppino, giornalista, attivista e poeta italiano, membro di un partito denominato Democrazia Proletaria nato a Cinisi il 5 gennaio 1948. Assassinato il 9 maggio 1978, su ordine del boss mafioso Gaetano Badalamenti (detto Tano) a causa dei suoi discorsi di denuncia contro le attività di “Cosa Nostra” (la mafia siciliana), diramati attraverso “Radio Aut”, emittente radiofonica da lui fondata. La madre di Peppino, Felicia Bartolotta, non ha mai creduto alla versione ufficiale che aveva chiuso frettolosamente le indagini che definirono la morte del figlio “suicidio”. Altro personaggio della rappresentazione teatrale è Giuseppe Alfano, detto Beppe, nacque a Barcellona Pozzo di Gotto, il 4 novembre 1945. Giornalista della testata “La Sicilia” di Catania. Insegnava Educazione Tecnica alla scuola media, ma la sua passione era il giornalismo. Le sue attività d’indagine giornalistica raccoglievano notizie soprattutto su uomini d'affari, mafiosi latitanti, politici, amministratori locali e massoneria. Venne ucciso l’8 gennaio 1993. Un momento di riflessione su un’altra storia, quella di Ilaria Alpi. Nata a Roma, il 24 maggio 1961. Giornalista e fotoreporter RAI del TG3 assassinata insieme al suo cineoperatore Miran Hrovatin il 20 marzo 1994 in Somalia poiché aveva scoperto un traffico internazionale di rifiuti tossici e prodotti radioattivi provenienti dai Paesi industrializzati e stivati nei Paesi poveri dell'Africa, in cambio di tangenti e armi, che avrebbe coinvolto anche alte personalità dell'economia italiana. L’omicidio è stato attribuito alla delinquenza somala ma in realtà è forte il sospetto che possa essere stato commissionato dai servizi segreti o dalla CIA. Il dramma teatrale si conclude con la storia di Attilio Manca. Nato a San Donà di Piave, il 20 febbraio 1969. Medico urologo molto rinomato per la sua specializzazione conseguita in America. Fu trovato cadavere nella sua abitazione di Viterbo l’11 febbraio 2004. L'autopsia certificò la presenza nel sangue di eroina ed il caso fu inizialmente ritenuto un'overdose, poi archiviato come “suicidio”. I genitori si opposero all'archiviazione sostenendo che il figlio fosse stato ucciso poiché avrebbe riconosciuto, in un anziano paziente da lui operato, il boss mafioso superlatitante Bernardo Provenzano.

Letto 1640 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>