Mafia e politica

Pubblicato: martedì, 21 febbraio 2017
Vota l\'articolo
10
Vota l\'articolo
2

Salvatore Giacalone detto "u prufissuri" aveva l'incarico di avvicinare i sindaci di Alcamo. Ignazio Melodia, medico, è rimasto scritto all'albo nonostante la condanna per associazione mafiosa

L'albo dei medici della provincia di Trapani continua ad annoverare tra i propri iscritti l'alcamese Ignazio Melodia, 62 anni, arrestato nella notte accusato di essere il capo della potente cosca alcamese. Nonostante pesanti condanne inflitte, Ignazio Melodia, licenziato dall'Asp della quale era dipendente, non è stato rimosso dall'albo provinciale dell'Ordine dei Medici. Oltre a Melodia durante la notte Polizia e Dia hanno arrestato l'alcamese Salvatore Giacalone, 63 anni, detto "u prufissuri", Antonino Stella, marsalese, 70 anni, Filippo Croce Cracchiolo, alcamese di 57 anni, titolare di un'azienda di ortofrutta all'interno della quale era collocata la cella frigorifero che i boss alcamesi utilizzavano per i loro summit, tutti finiti intercettati dalla Squadra Mobile di Trapani, il castellammarese Vito Turriciano, che ha ricevuto l'ordinanza di misura cautelare in carcere (fu coinvolto nel blitz antimafia "Cemento del Golfo") e di recente è stato anche condannato per mafia ed estorsioni, in manette ancora Giuseppe Di Giovanni, 33 anni. Tra i risvolti dell'indagine il tentativo della mafia di avvicinare l'ex sindaco di Alcamo, Sebastiano Bonventre. Erano giorni carichi di tensione per Bonventre e Salvatore Giacalone lo avvicinò, come risulta da intercettazioni, offrendogli la protezione della mafia. Offerta che Bonventre non solo respinse ma andò anche a denunciare. La mafia alcamese poi avrebbe anche cercato di avvicinare l'attuale sindaco Domenico Surdi, prendendo spunto da un problema di rifornimento idrico che a poche settimane dall'elezione riguardò la zona alcamese e quella di Alcamo Marina. Pare che volevano sondare il sindaco appena eletto, ma i mafiosi non trovarono alcuna sponda per potere intervenire sulla nuova amministrazione. Durante le ultime elezioni la consorteria mafiosa attraverso Di Giovanni si sarebbe mossa a favore della moglie di quest'ultimo Alida Maria Lauria (Figlia del Dott. Baldassarre Lauria), candidata nella lista "Insieme si può" che faceva riferimento al candidato sindaco Baldassare Lauria. Di Giovanni in una intercettazione non solo parlava con la moglie rivendicando il suo profondamente essere mafioso, ma parlava di tanto altro, anche di minacce rivolte ad un soggetto costretto ad obbedirgli sotto la minaccia di una pistola impugnata dallo stesso Di Giovanni.

Letto 17073 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>