La Libertas Alcamo batte Messina. Dieci minuti di match per Ferrara.

Pubblicato: lunedì, 20 febbraio 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

All’andata Messina era riuscita a contenere il divario ed a chiudere il match sotto di 20 punti, ma al ritorno è stata costretta a imbattersi nella “valanga” Lipari Consulting, inarrestabile capolista, capace di toccare quota 111 e di confezionare un distacco di quasi 50 punti sulla terza forza del campionato.

E dire che ancora alcuni cestisti alcamesi non sono al cent o per cento, dopo una lunga serie di infortuni, e che i giovani del Birrificio Messina hanno provato a contrastare gli avversari per circa un quarto e mezzo. Poi, per i peloritani, non c’è stato più nulla da fare e il pubblico del “PalaTreSanti” ha potuto vedere grande basket e le incredibili performances di Paride Giusti: stoppata alla tabella da paura, bomba da 8 metri (in tutto ben 5 triple) e schiacciatona su palla recuperata.

Il top-scorer della gara è stato comunque Marco Ranalli che ha firmato 29 punti (da sotto, dai 4/5 metri e anche una bomba) giocando una gara di grande continuità. Giusti si è “fermato” a quota 24 nonostante non sia stato spremuto da coach Ferrara. In doppia anche Andrè (da brividi alcuni suoi 1c1 vincenti su avversari che potrebbero essere suoi figli), Provenzano e un rinvigorito Ajola.

La gara con Messina, penultima interna della stagione regolare, ha ridato il parquet a Daniele Ferrara, il play alcamese fermatosi all’andata proprio in casa del Birrificio. Dieci minuti di partita, per lui, ancora un po’ timorosi ma infarciti da fosforo e da un tunnel all’avversario.

La Lipari Consulting fa davvero paura e continua a centrare successi su successi con divari abissali. L’ultimo quello di ieri al “PalaTreSanti” ha rappresentato una sorta di record nei campionati nostrani: 46 punti inflitti dalla prima alla terza della classifica, squadra giovane quest’ultima ma molto dotata tecnicamente.

Domani si ritorna a faticare in vista della “partitissima” di domenica prossima sul parquet della Torrenovese, diretta inseguitrice. Da testare le condizioni di Russo Tiesi, per lui un risentimento muscolare al polpaccio, e di German Vazquez. Il play spagnolo, finalmente, dovrebbe essere pronto al rientro.

LIPARI CONSULTING – BIRRIFICIO MESSINA 111 – 65 (parziali 23 – 10, 30 – 21, 29 – 16, 29 – 18)

ALCAMO: Ranalli 29, Ajola 14, Bottiglia, Giusti 24, Russo Tiesi, Ferrara, Andrè 18, Provenzano 16, Agrusa 5, Genovese 3, Alfano, Blunda 2. Coach: Vincenzo Ferrara.

MESSINA: Mondello 10, Di Dio Busà 22, Irrera 4, Pace 4, Rizzi 3, Casablanca, Currò 4, Spanò, Romano, Cordaro 8, Maggio 10. Coach: Mario Maggio.

Comunicato

Letto 662 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>