Castellammare, giovani scout ripuliscono l’area “Baden Powell”: “Insieme combattiamo il degrado”. Foto

Pubblicato: sabato, 18 febbraio 2017
Vota l\'articolo
5
Vota l\'articolo
0

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Tanta buona volontà e impegno: questo ha spinto i giovani scout oggi pomeriggio a ripulire “l’area Baden Powell” di piazzale Rovigo, il cosiddetto “parchetto” del quartiere popolare di Contrada Bocca della Carrubba.

Presenti tutte le 5 squadriglie (Antilopi, Aquile, Iene, Leoni e Rinoceronti) del reparto Mafeking, tutti di età compresa tra i 12 e i 15 anni.

L’area, intitolata nel 2013 al fondatore del movimento scout alla presenza del Sindaco Nicolò Coppola e delle autorità religiose e militari su richiesta degli stessi scout di Castellammare, viene ripulita spesso ma dopo pochi giorni ritorna nell’incuria e nel degrado.

All’interno del piccolo parco, a pochi passi dal plesso Falcone-Borsellino, si trovano aiuole, giochi per bambini, una pista per praticare lo skateboarding, un piccolo anfiteatro ed un’area verde un tempo piena di palme, poi uccise dal punteruolo rosso: “Negli anni, proprio in sostituzione delle palme, abbiamo piantato degli alberelli – spiegano gli scout ad Alqamah.it – ma non sono durati molto. Oleandri, carrubi e cipressi. Oggi sono rimasti solo i tre cipressi. Manca il senso civico, il senso del bene comune. Questo parchetto è di tutti e chi lo frequenta deve averne massima cura”.

Oggi della pista per lo skateboarding non rimane quasi più niente, soltanto qualche trave in legno con i chiodi ben in vista. Un’area pubblica costata parecchie migliaia di euro che fatica ad uscire dal degrado: “Noi facciamo il possibile, ma occorre il contributo di tutti.”

“Negli ultimi anni – spiegano i ragazzi scout - abbiamo effettuato diversi interventi di pulizia e organizzato una serie di attività con i  più giovani, in particolare con la squadriglia Aquile del reparto del gruppo scout Castellammare del Golfo 1. L'anno scorso abbiamo deciso di pulire e abbellire le aiuole del "parchetto" con alberi e piante, ma dopo pochi giorni abbiamo trovato tutto distrutto".

“Ma nonostante questo i ragazzi, - sottolineano gli organizzatori - spinti dalla volontà di credere che le cose possano migliorare e che un giorno gli abitanti del quartiere capiranno che questo posto può essere davvero una risorsa e non una discarica, hanno deciso di riprovare.”

Muniti di rastrelli, zappe, guanti e sacchi neri hanno raccolto rifiuti di ogni genere: “Soprattutto pacchetti di sigarette, bottiglie di vetro, lattine, pacchetti di caramelle e anche un pannolino usato”.

“Questo parco,  - spiegano i giovani mentre raccolgono i rifiuti tra le aiuole - intitolato al fondatore del nostro movimento, è molto importante e fa ormai parte di noi. Spesso la gente si lamenta di come quest’area sia sporca e piena di spazzatura, noi siamo felici di contribuire per renderla migliore, ma abbiamo bisogno del contributo di tutti perché si tratta di uno spazio pubblico quindi di tutti noi.”

 
Letto 4249 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>