USB Vigili del Fuoco: “Chiediamo incontro formale con il Governo”

Pubblicato: lunedì, 13 febbraio 2017
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
0

Il Coordinamento Nazionale USB Vigili del Fuoco richiede un incontro con il Governo, pubblichiamo per intero il comunicato:

"Ci siamo; la Sicilia aderisce all’evento scacchiera fortemente voluto ed organizzato dal Coordinamento Nazionale USB Vigili del Fuoco. Giorno 15 febbraio p.v. numerosi saranno i presidi in cui convergeranno gli “Angeli del Soccorso”, meglio conosciuti come Vigili del Fuoco; la Sicilia ci sarà con una consistente adesione di personale sia permanente (di Ruolo) che Precario (Vigile Discontinuo) per rivendicare il perseguimento di due fondamentali obiettivi di somma urgenza da sottoporre all’immediata priorità nell’azione di Governo. Tutti i motori di ricerca sul web parlano della Risoluzione Fiano, fortemente voluta e sostenuta da USB sin dal suo concepimento (16 ottobre 2015) ormai ad un passo dalla materializzazione; infatti è ormai nota l’approvazione della Risoluzione da parte della Commissione Affari Costituzionale della Camera dei Deputati nella convocazione del 18 u.s. con votazione unanime dei suoi componenti, con un mirato impegno rivolto all’attuale Governo nel procedere ad emanare i Decreti attuativi in cui dovranno risultare elaborate le volontà espresse dalla Massima Autorità Politica; il ramo del Parlamento, sul quale risultano inequivocabilmente descritti i passaggi per la definitiva STABILIZZAZIONE del personale precario iscritto ai Ruoli dei Discontinui nei diversi Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco su tutto il territorio nazionale. Sono numerosi i punti sostanziali che impegnano l’Esecutivo ad elaborare entro l’anno in corso, soluzioni mirate a superare le forme di precariato nella Pubblica Amministrazione, nello specifico nei vigili del fuoco; Istituire il quarto livello della certificazione di rischio, distinzione tra gli Albi separando i discontinui con i volontari, aumento della percentuale di riserva nei concorsi pubblici applicando una ulteriore riserva del 10%, superare le limitazioni imposte dalla Legge alla voce “rapporto di impiego con l’amministrazione”, prelazione nel processo di assunzione per gli operatori da impiegare nei servizi ausiliari e di supporto (reinternalizzazione), Stabilizzare tutti i Discontinui in possesso dei requisiti previsti dalla stessa Risoluzione e senza alcun limite di età (120 gg. di servizio discontinuo / 3 anni di iscrizione all’albo), altro ancora. Altro aspetto fondamentale in simbiosi con la Risoluzione Fiano è l’incostituzionalità appurata sul congelamento dei rinnovi contrattuali (Corte Costituzionale n. 178 del 24 giugno 2015), ormai oltre il limite della sopportazione; una perdita del potere di acquisto di circa 100,00€ al mese pro-capite a far data dal 2009 e fino al 2016 incluso, per un importo di € 600,00 netti al mese pro capite (Codacons) impropriamente sottratti dagli stipendi dei vigili del fuoco, ma anche dal Pubblico Impiego in generale, con devastanti impatti sulla gestione delle economie e dei risparmi di ogni singolo Lavoratore e delle rispettive famiglie, quindi di riflesso, crisi nei settori privati a vario titolo per carenza di liquidità non distribuita. USB VVF SICILIA giorno 15 scende in Piazza per rivendicare l’immediato rinnovo dei contratti e l’immediata assunzione nel comparto dei Vigili del Fuoco, individuando le opportune correzioni nella Legge Madia (riforma P.I.) in scadenza nel corrente mese. USB VVF CHIEDE FORMALE INCONTRO AL GOVERNO!!!".

Letto 2856 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>