Conosciamo il mare, le alghe “aliene”

Pubblicato: giovedì, 15 dicembre 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

alghe-marine-4Interessante studio sostenuto dall'Amp delle Egadi e il Dipartimento Stebicef dell'Università di Palermo

Le invasioni biologiche, che grazie al contributo dell’uomo hanno raggiunto oggi livelli preoccupanti, rappresentano una delle più gravi minacce alla struttura, dinamica e biodiversità degli ecosistemi del mondo. Il Mar Mediterraneo, a livello mondiale, risulta essere il mare che accoglie il maggiore numero di macrofite introdotte, con un totale di 133 specie; di queste, 23 appartengono alle Chlorophyta, 79 alle Rhodophyta, 30 alle Ochrophyta, e 1 è una fanerogama (Tracheophyta) (Verlaque et al., 2015). L’efficacia nel preservare la biodiversità dipende dalla capacità di controllare intensità e diffusione delle specie invasive; risultano quindi essenziali, ai fini del controllo e della gestione, l’immediata segnalazione e il continuo monitoraggio. Per questo lo sforzo dei ricercatori non è più sufficiente, e la Citizen Science, con il coinvolgimento e la partecipazione attiva e volontaria dei cittadini, si sta rivelando un valido e prezioso aiuto per la ricerca scientifica e per la protezione dell’ambiente, oltre che un potente strumento di educazione del grande pubblico. La Citizen Science rappresenta un modo intelligente di avvicinare il grande pubblico, e in particolare i giovani, alla scienza, diventa quindi fondamentale un continuo feedback tra mondo della ricerca e cittadini. La scienza fatta dai cittadini sta avendo sempre maggior successo in tutto il mondo, come testimonia il numero crescente di progetti presentati nell’ultimo decennio. Alcuni di questi Progetti riguardano proprio le specie invasive, come il Progetto partecipato “Caulerpa cylindracea – Isole Egadi”, frutto di una collaborazione tra AMP alghe-aliene"Isole Egadi" e Dipartimento STEBICEF dell’Università di Palermo, che si concluderà a fine agosto di quest’anno (vedi Notiziario n. 67) e i Progetti “OJO A LAS INVASORAS! Biodiversidad y Especies invasoras del Mediterráneo Balear, e “Flora Invasora” nell’ambito della Citizen Science Platform “Observador del mar” (“Seawatchers”), coordinati dall’Institute of Marine Sciences of Barcelona (CSIC, Spain), che si basano proprio sulla stretta collaborazione tra cittadini e comunità scientifica. In entrambi i Progetti sono coinvolti i soci Anna Maria Mannino e Paolo Balistreri, che da diversi anni si occupano di specie aliene, sopratutto macrofite, rivolgendo particolare attenzione alla Sicilia e alle sue isole minori. Anna Maria Mannino e Paolo Balistreri fanno attualmente parte del Team Scientifico di “Seawatchers”, sezione Alghe Invasive, e si occupano delle segnalazioni italiane. Invitiamo, pertanto, i soci a visitare ed utilizzare la pagina web Seawatchers (http://www.observadoresdelmar.es/index.php), inviando segnalazioni e foto, e a pubblicizzare l’iniziativa nei territori di pertinenza. E’ disponibile anche una pagina facebook, Seawatchers Italy - alghe aliene, all’indirizzo https://www.facebook.com/obsdelmar/?fref=tsbalistreri

alghe-aliene-2 alghe-aliene-3

Letto 1404 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>