Aggressione, intervengono i Carabinieri, un uomo arrestato

Pubblicato: mercoledì, 2 novembre 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Domenica i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palermo coadiuvati dal quelli della Stazione di Palermo Olivuzza hanno arrestato con l’accusa di: violenza, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, maltrattamenti contro familiari conviventi e lesioni personali, LA BARBERA Giuseppe Bruno, 27enne palermitano.

la-barbera-giuseppe-brunoI militari dell’Arma su indicazione della Centrale Operativa, sono giunti in via Pietro Ranzano dove era stata segnalata un’aggressione, constatando che il giovane, era lo stesso che il pomeriggio dello scorso 28 ottobre aveva aggredito una pattuglia della Polizia Municipale di Palermo, intervenuta per il medesimo motivo e fermato anche grazie all’intervento tempestivo dei Carabinieri giunti in ausilio.
Noncurante della presenza degli uomini in divisa, il LA BARBERA dopo aver inveito e minacciato i suoi familiari, passava alle vie di fatto aggredendoli fisicamente.
Irritato dalla presenza dei Carabinieri, che tentavano di portarlo alla calma, ed allontanarlo, si scagliava contro gli operanti aggredendoli con calci e pugni, venendo immobilizzato grazie all’ausilio di un’altra pattuglia giunta sul posto (nell’occorso un militare visitato presso il pronto soccorso dell’Ospedale Ingrassia riportava un trauma al polso con una prognosi di 3 gg. s.c. mentre un familiare dell’aggressore riportava un trauma al polso giudicato guaribile in 8 gg. s.c.).
Ieri a seguito del rito direttissimo presso il Tribunale di Palermo, l’Autorità Giudiziaria, dopo la convalida ha disposto la misura cautelare della custodia in carcere e la traduzione alla casa circondariale di Palermo Pagliarelli.

Letto 1724 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>