Una “prigione” maleodorante per uccelli

Pubblicato: sabato, 1 ottobre 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Le Fiamme Gialle di Trapani segnalano un uomo all’Autorità Giudiziaria e fanno sequestrare un garage dove erano “detenuti” moltissimi uccelli in condizioni igienico sanitarie pessime.

IMG_8860Volatili GDFUn garage la loro prigione, ma a liberarli ci hanno pensato agenti della Guardia di Finanza di Trapani, che impegnata nella consueto e quotidiano controllo del territorio, hanno notato un fragoroso cinguettio proveniente da un garage apparentemente in stato di abbandono. Con l’ausilio di personale del Corpo Forestale Regionale e di quello Statale è stato individuato il proprietario dell’immobile, con lui gli agenti sono entrati nel garage e subito hanno preso atto di numerose gabbie, alcune delle quali sovraffollate, contenenti un totale di 181 tra canarini e pappagalli.

A colpire le pessime condizioni igienico sanitarie ed il gran numero di volatili “stipati”, al chiuso, in pochi metri quadrati . I militari hanno segnalato, immediatamente, all’Autorità Giudiziaria il proprietario per reati connessi al maltrattamento di animali.

Alle operazioni ha preso parte anche il personale del Dipartimento di Prevenzione Veterinaria dell’ASP di Trapani e veniva riscontrata la presenza di varie confezioni di medicinali e vitamine per uso umano scadute, nonché sacchetti contenenti volatili morti ed in evidente stato di decomposizione.

Il tutto è stato sottoposto a sequestro preventivo ed in particolare i volatili sono stati affidati ad un’associazione animalista, con l’obbligo per il responsabile della violazione di accollarsi le spese necessarie al mantenimento degli stessi. La documentazione rivenuta ed i registri di carico e scarico degli animali sono stati messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

L’attività investigativa delle Fiamme Gialle proseguirà per verificare la sussistenza di un eventuale commercio abusivo di volatili ed evasione d’imposta.

Letto 651 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>