“La città marcia” di Bianca Stancanelli

Pubblicato: giovedì, 18 agosto 2016
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
0

bianca-stancanelli-la-citta-marcia-racconto-siciliano-di-potere-e-di-mafiaOggi 18 agosto 2016 alle ore 18 alle Tenute Plaia di Scopello (Castellammare del Golfo) per la rassegna “Conversazioni d’Autore” Leoluca Orlando, Emilio Arcuri e Nino Mannino presenteranno il libro “La città marcia” di Bianca Stancanelli.
“Solo capendo e studiando quello che è accaduto in passato- ha detto Stancanelli in una recente intervista- siamo in grado di decodificare quanto accade ai giorni nostri.”
La città marcia è un libro avvincente che racconta la Palermo degli anni ’80, nella quale si forma Giuseppe Insalaco, giovane democristiano che aveva bruciato le tappe nel partito di Salvo Lima e Vito Ciancimino sino a diventare sindaco. Arrivato al potere, però, qualcosa si era rotto in lui tanto da portarlo a opporsi al “sistema”.

Nei suoi centouno giorni al potere si era ribellato ai suoi padrini, aveva cercato di cambiare le cose, aveva sfidato i padroni degli appalti. Disarcionato da un’inchiesta giudiziaria che lo vedeva coinvolto, espulso dalla politica, aveva cominciato a raccontare i segreti dei rapporti tra mafia e potere, fino ad essere “fermato” da quattro colpi di pistola. Era il 12 Gennaio del 1988.

“La mafia non gli perdonò questo colpo di testa perché la mafia è guardiana della immobilità di questa terra. Interrompe ogni processo di cambiamento e usa ogni mezzo per farlo. L’unico tributo allora che può dare chi fa il mestiere del giornalista è in termini di ricostruzione della memoria”.

A seguire il consueto aperitivo

Letto 527 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>