Un vialetto in memoria di due vittime innocenti di mafia. A Castellammare un piccolo grande gesto

Pubblicato: martedì, 9 agosto 2016
Vota l\'articolo
5
Vota l\'articolo
0

13873121_1083625975024461_3662430117600110298_nCASTELLAMMARE DEL GOLFO. Conclusi i Campi di Estate Liberi organizzati da Libera nel bene confiscato di Contrada Crociferi a Castellammare del Golfo. Come ultimo regalo alcuni campisti hanno deciso di intitolare uno dei vialetti realizzati da loro a due vittime innocenti di mafia.

Circa 60 ragazzi hanno “toccato con mano” la realtà dei beni confiscati alla mafia. Lavoro nei campi e formazione personale: Un binomio perfetto che sintetizza lo spirito dei campi estivi di Libera.

 “L’obiettivo principale dei campi sui beni confiscati alle mafie è quello di diffondere una cultura fondata sulla legalità democratica e sulla giustizia sociale, che possa efficacemente contrapporsi alla cultura della violenza, del privilegio e del ricatto” – spiegano gli organizzatori di Libera.

Nel bene confiscato gestito dall’associazione Castello Libero Onlus in partenariato con il presidio di Libera “Piersanti Mattarella”, gli scout e l’associazione Antiracket e antiusura, i ragazzi hanno coltivato l’orto e raccolto i suoi frutti, costruito vialetti e aiuole e ascoltato le storie di chi è morto per mano mafiosa e di chi ancora oggi in trincea la combatte. Storie di imprenditori coraggiosi che hanno denunciato, di familiari di vittime innocenti di mafia, di uomini delle istituzioni e di giornalisti che raccontano.IMG-20160701-WA0010

In quasi due mesi sono arrivati gruppi provenienti dalla Toscana, dalla Lombardia, dall’Emilia Romagna, dal Veneto, dal Piemonte, dalla Puglia, dal Trentino Alto Adige, dalla Campania, dal Lazio, ragazzi che hanno scelto di “sporcarsi le mani” sui terreni strappati alla mafia.

“Abbiamo fatto un’esperienza simile a Scampia e ci ha colpito molto. Così abbiamo deciso di provare di nuovo qui in Sicilia” ha raccontato Francesca, giovane ragazza emiliana che ha convinto le amiche a provare. “Per noi è la prima volta, si tratta di un esperienza nuova che ci farà crescere. Per noi, che viviamo in Emilia Romagna, la mafia spesso è un fatto distante; se ne parla poco.” Quella che descrivono le ragazze emiliane è l’Italia del nord che ancora in parte nega la mafia. Una mafia che si è infiltrata prepotentemente e si è ramificata esattamente come al sud. Una mafia silente, camaleontica, che non spara, ma non per questo meno pericolosa. Una mafia che si nasconde perfettamente alla luce del sole.

13615492_1071083749612017_2018807788366096684_n“Per me è la prima volta, sono sempre stata attiva nel sociale ma mai nei movimenti antimafia o in Libera. Nel mio territorio – spiega una giovane ragazza salentina – la  mafia è silenziosa e spesso non se ne parla, anzi si additano tutti gli episodi come “atti di criminalità comune”. Diversa è invece la posizione di un ragazzo di Latina che spiega chiaramente: “il fenomeno mafioso si sente eccome, i casalesi comandano su tutto. Libera e i campi estivi sintetizzano al massimo il mondo dell’antimafia responsabile: lavoro, impegno, conoscenza e dedizione.”

“Ho sentito la necessità di tornare al sud, per conoscere meglio il fenomeno mafioso e avvicinarmi a Libera. Questo campo è sicuramente solo l’inizio, diciamo pure che è il miglior modo per iniziare.” – spiega una ragazza di Rosarno trapiantata a Roma da diversi anni.13659148_1071083719612020_7331673242729938127_n

A raccontarci le attività che i ragazzi hanno svolto nel bene confiscato di Contrada Crociferi è Vincenzo Desiderio, referente di Libera a Castellammare del Golfo, che insieme agli altri soci si occupano di cittadinanza attiva e antimafia: “I Campi Estati Liberi sono campi di impegno e formazione perché da un lato si vuole coinvolgere le persone nell’impegno contro le mafie in particolare nella cura e nella manutenzione dei beni confiscati alle mafie; per quanto riguarda la formazione sono previsti tanti incontri formativi su temi come l’antimafia, la memoria, la cooperazione ecc. Le attività dei campi e in particolare del nostro, si concentrano su una parte della giornata sul lavoro nel bene confiscato come la cura dell’orto, la pulizie dei terreni, la costruzione di aiuole e vialetti e piccoli lavori di manutenzione. Nel pomeriggio invece si procede con la formazione, abbiamo incontrato familiari di vittime innocenti di mafia come Giovanni Palmeri, Antonella Borsellino, Antonio Zangara, forze dell’ordine, imprenditori coraggiosi come Gregory 13645262_1071083606278698_5773530206369857996_nBongiorno, giornalisti e soprattutto i referenti siciliani di Libera. Inoltre abbiamo trattato anche il tema dei beni comuni, recandoci presso la Riserva Naturale Orientata dello Zingaro, che ha una storia importante di impegno civile. Se vogliamo contrastare la mafia – sottolinea il referente di Libera Castellammare – dobbiamo essere in grado di comunicare bene, trasmettendo però la vera immagine della mafia e la vera immagine dell’antimafia, quella vera, reale e concreta. Tutti i gruppi sono andati via con una consapevolezze maggiore, non tanto sulla conoscenza del fenomeno mafioso, ma più che altro sul proprio ruolo nella società. Se si vogliono sconfiggere le mafie e produrre un cambiamento bisogna impegnarsi in prima persona. Questo è l’obiettivo principale dei campi di Estate Liberi.”

13782084_1081282628592129_5161989706859860654_nQui dove il mare luccica, la sabbia scotta e il vento di scirocco soffia forte, si respira “quel fresco profumo di libertà” e i ragazzi  vanno via sorridenti, lasciando come ultimo ricordo un vialetto intitolato a due vittime innocenti di mafia: Gaspare Palmeri e Salvatore Zangara. Un piccolo grande gesto spontaneo che resterà nel cuore di tutti.

 

Letto 1576 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>