Una delegazione albanese accolta dal Sindaco Coppola al Castello Arabo Normanno

Pubblicato: venerdì, 17 giugno 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Incontro delegazione albanese1CASTELLAMMARE DEL GOLFO. È stata accolta ieri una delegazione albanese al Castello di Arabo Normanno di Castellammare dal Sindaco Coppola. L’obiettivo è quello di creare una “rete di città dei castelli” tra le città albanesi con in comune caratteristiche storico-culturali.

Il sindaco Nicolò Coppola ha accolto una delegazione proveniente dall’Albania formata da Beqir Nuredinisindaco della città di Rrogozhine, e rappresentanti di Lezha e Kruja, città castello albanesi coinvolte nel progetto. Il sindaco Nicolò Coppola ha donato una targa raffigurante la città di Castellammare al sindaco di Rrogozhine: presenti anche il sindaco di Piana degli Albanesi, Vito Scalia, ed il sindaco di Custonaci, Giuseppe Bica, poiché oltre a Castellammare del Golfo, all’iniziativa con le città albanesi di Lezhe,  Rrogozhine e Kruja, hanno aderito anche le città di Piana degli Albanesi (capofila), Alcamo e Custonaci.

Il gemellaggio per la creazione della rete delle città castello è promosso dal comitato internazionale della cultura mediterranea che, presieduto da Giovanni Vattiata, promuove la cooperazione socio economica e lo sviluppo nel mediterraneo.Castello di Castellammare del Golfo

Un ponte con l’Albania per una collaborazione culturale e lo scopo di creare relazioni commerciali così da attingere a finanziamenti europei che riguardano la rete avviata.

Coinvolgendo anche l’Università di Palermo e quella di Tirana, l’iniziativa mira “a studiare l’identità culturale e le radici etniche e religiose, per la costruzione di una rete di città che hanno in comune l’origine storica (città di castelli). Lezha e Kruja sono le città castello albanesi dove nacque, addestrò i suoi cavalieri e morì, Giorgio Castriota, oppositore all’invasione turca-ottomana nel quattordicesimo secolo. Da lì, la nascita di alcune città albanesi il Italia ad opera di Principi albanesi scampati alle persecuzioni ottomane”.

Letto 593 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>