Dal Titanic all’U-boat 73, giornata dedicata al relitto di Punta Bianca

Pubblicato: venerdì, 17 giugno 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Sub in ricognizione sul relitto della nave AlmerianSi svolgerà sabato 18 giugno 2016, alle ore 10, presso Casa Sanfilippo, nel Parco Valle dei Templi di Agrigento, si terrà la tavola rotonda sul tema “Il relitto di Punta Bianca – dal Titanic all’U-boat 73”. Il convegno è organizzato dalla Soprintendenza del Mare, dal Parco Valle dei Templi di Agrigento e dalla Lega Navale di Agrigento. Nel corso dell’incontro verrà presentata la relazione finale e la documentazione video curata da Daniele Valenti, Luigi Bisulca, Stefano Vinciguerra e Renato Lentini.
I lavori riguarderanno le ricerche subacquee nei fondali agrigentini, sulle “rotte dello zolfo” e sul ritrovamento del relitto della nave “Almerian”, affondata nel corso del primo conflitto mondiale. Durante il convegno, dedicato a Daniele Valenti, archeologo subacqueo recentemente scomparso che iniziò per primo le ricerche, verrà proiettato il documentario realizzato dal filmaker Stefano Vinciguerra, che sarà presentato al prossimo Festival dell’Archeologia di Rovereto, riguardante il ritrovamento del relitto e le affascinanti indagini sul piroscafo a vapore inglese del 1897, adibito al trasporto del cotone, intercettato ed affondato il 19 ottobre 1918, dal sommergibile tedesco U-BOAT 73, a Punta Bianca
Dopo i saluti del direttore del Parco Valle dei Templi Giuseppe Parello, seguirà l’intervento di Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare, che farà il punto sulle ricerche subacquee, Stefano Zangara, dirigente della Soprintendenza del mare, parlerà degli itinerari culturali sottomarini in Sicilia, Antonino Giuffrida, storico dell’Università Palermo, relazionerà sulle “rotte dello zolfo” durante la prima guerre mondiale, Gaetano Lino, esperto, e Ornella Argento, archeologa navale della Lega Navale di Agrigento, interverranno sul rilievo e posizionamento dell’Almerian. A moderare i lavori della giornata di studi il giornalista Alfonso Lo Cascio.
La nave appartenuta alla compagnia inglese Leyland Line, lunga circa 100 metri, fu affondata il 19 ottobre 1918, dal sommergibile Tedesco U-Boat 73 con il suo carico di zolfo presumibilmente da portare a Livorno o Liverpool. Durante la manifestazione saranno consegnati gli attestati di partecipazione ad un gruppo di studenti ed appassionati che hanno preso parte alle attività in acqua, di rilievo archeologico, coordinate dal subacqueo della Lega Navale Salvatore Lopez.

Letto 749 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>