Collegio gremito per l’arrivo di Di Battista

Pubblicato: giovedì, 2 giugno 2016
Vota l\'articolo
5
Vota l\'articolo
2

IMG_20160601_150617ALCAMO. Nonostante il caldo e l’ora gli alcamesi a 5 stelle, e probabilmente anche qualche curioso, hanno riempito l’atrio del collegio dei Gesuiti per attendere Alessandro Di Battista, deputato del parlamento italiano per il movimento.

L’onorevole Di Battista è arrivato con l’europarlamentare alcamese Ignazio Corrao a bordo di un risciò, per sottolineare l’assenza di scorte e di forze dell’ordine attorno a loro, ad attenderli sul palco i 24 candidati consiglieri, Domenico Surdi, che concorre per la carica di Sindaco e altri esponenti del movimento come Valentina Palmeri e Vincenzo Maurizio Santangelo.

Ad una premessa di Corrao è seguito prima l’intervento di Surdi e poi, attesissimo dalla folla gialla, di Di Battista il quale ha sottolineato la necessità di un voto libero ed onesto. Corrao ha ribadito che Alcamo è stata la città del voto di scambio e la città che ha fatto parlare di sè per gli scandali e che votare Surdi sarà per lui come tornare a votare se stesso. Attacchi soprattutto per il partito democratico a tutti i livelli, da quello regionale a quello nazionale, come partito del malaffare e della disonestà. Di Battista ha chiesto agli alcamesi di dare fiducia a Surdi e ha ribadito di non votare per l’amico o il parente ma per il pensiero che più affascina, per il movimento cinque stelle che rappresenta il vero rinnovamento e ha dimostrato di non essere fuoco di paglia ma incendio ormai divampato in tutta l’Italia, a dispetto di chi li chiamava unicamente grillini.

Festa, questa l’aria che il movimento cinque stelle dice di aver portato in questa campagna elettorale alcamese.

Letto 3088 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>