Benenati ritira la candidatura a Sindaco con coraggio e onestà intellettuale a seguito inchiesta “affari sporchi”

Pubblicato: martedì, 24 maggio 2016
Vota l\'articolo
14
Vota l\'articolo
4

Avv. Benenati AlcamoALCAMO. Si ritira dalla competizione elettorale l’avvvocato Giuseppe Benenati. A seguito della vicenda Perricone, suo principale sostenitore, quest’ultimo arrestato a seguito di una pesante inchiesta giudiziaria, l’avvocato ha preso la coraggiosa decisione di non portare avanti più la sua candidatura.

Di seguito la lettera integrale:

Carissimi concittadini,

parlerò con franchezza, come sono solito fare.

La mia candidatura ha avuto un iter piuttosto tormentato. Vi posso assicurare che un passo del genere non era nelle mie intenzioni, perché l’avevo già sperimentato alcuni anni addietro, imparando a mie spese che in politica più che colombe ci sono astuti serpenti, per cui avevo pensato che fosse una parentesi della mia vita ormai definitivamente archiviata.

Senonché a seguito delle pressanti richieste di amici e conoscenti (stimolati dalle battaglie sociali e professionali da me intraprese negli ultimi anni per sconfiggere un sistema politico che ritenevo malato) e dalle analoghe sollecitazioni dell’On.le Ruggirello, ero arrivato alla conclusione di rivedere la mia decisione.

A tutti sono note, poi, le vicende che avevano indotto il gruppo dei DpA ad una repentina, disinvolta ed inaspettata retromarcia, che mi aveva lasciato con l’unica lista a mio sostegno formata dagli amici del P.S.I., con i quali, nel frattempo, si era avviato un sereno e costruttivo dialogo che ha affondato le sue radici sugli immutabili valori della lealtà, della correttezza e della stima reciproca.

Mi rendevo conto che stavo affrontando una competizione veramente difficile ma la mia determinazione, che evidentemente sfiora la caparbietà, ha fatto sì che alla fine accettassi, perché da sempre le difficoltà anziché abbattermi mi rafforzano.

Nella vita, però, non mi sono mai sottratto al dovere della verità ed all’assunzione della responsabilità, per cui non ho nessuna remora ad affermare che uno di quelli che con maggiore insistenza mi aveva chiesto di continuare nella candidatura è stato Pasquale Perricone, che è stato poi uno dei tanti convinti miei sostenitori.

Sciascia distingueva tra uomini, mezzi uomini, ominicchi e quaqquaraquà; ritengo di appartenere alla prima categoria e se una persona mi ha mostrato attenzione e stima non sono certamente il tipo del rinnegamento di Pietro e non dirò mai: “non conosco quell’uomo !”

Quanto è avvenuto in questi giorni sul piano giudiziario è a conoscenza di tutti.

Dico subito che non faccio parte di quella folta schiera di forcaioli che gridano immediatamente allo scandalo o di quell’altra che, quando li riguarda, parlano di giustizia ad orologeria.

Rispetto tutte le iniziative giudiziarie ma non mi sposto da un millimetro dal principio costituzionale che vuole che ogni cittadino debba essere considerato non colpevole fino a sentenza definitiva.

Però cosa diversa è l’opportunità politica, che non ha regole o leggi da rispettare ma trova fondamento nell’assetto morale di ogni uomo che, se dotato di un minimo di dignità e di sensibilità, non può far finta di niente.

Considererò autentico sciacallaggio il comportamento di quanti volessero cogliere al balzo l’occasione per farne odioso strumento di propaganda politica, pronti a puntare il dito anziché guardare nel proprio armadio ma non posso dimenticare di avere fatto dell’onestà, della correttezza e della probità il mio cavallo di battaglia e non perché siamo in campagna elettorale ma perché è il modo di essere della mia persona.

Poiché non si può andare in Paradiso a dispetto dei Santi e non essendomi consentito, allo stato delle cose, un formale ritiro, comunico che ho preso la decisione di non portare avanti la mia candidatura.

Mi scuso con quanti, candidati, assessori designati, amici o semplici sostenitori, ho coinvolto in questa avventura e dai quali ho ricevuto sincero affetto; sapranno capire che se ho preso questa decisione è perché ritengo di essere una persona per bene.

E’ solo questione di onestà intellettuale e di coerenza: scusate se è poco !

Letto 15190 volte.
1 Commento
Dì la tua
  1. Lillo scrive:

    Coraggiosa decisione!??!?
    Ha capito che non può più contare sui voti di Perricone e amici di questi, che dovevano essere soppesati per qualche assessorato.

    Avvoltoi in picchiata x accaparrarsi con parole dolci i voti degli elettori rimasti senza papà!!!

    vecchia politica

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>