Solidarietà del Sindaco di Calatafimi al Sindaco di Castelvetrano

Pubblicato: lunedì, 7 marzo 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Vito Sciortino CalatafimiIl caso Giambalvo, il consigliere comunale di Castelvetrano che in un’intercettazione ha espresso il proprio sostegno al latitante capo mafia Matteo Messina, è arrivato a Calatafimi e ha spinto il Sindaco di Calatafimi Segesta, Sciortino, che dopo aver condannato “un atteggiamento a dir poco raccapricciante sotto il profilo etico e morale da parte di un rappresentante eletto dalla comunità castelvetranese”,  ha espresso solidarietà ai cittadini castelvetranesi e al suo collega Sindaco di Castelvetrano, Errante, del quale sono state chieste le dimissioni.

Sciortino afferma: di Errante “ho sempre apprezzato le indiscusse doti di integerrimo difensore della legalità, ampiamente mostrate nel corso della trasparente politica in favore della sua comunità e nella conduzione del Consorzio per la Legalità e lo Sviluppo, di cui Errante è presidente e che vede tra i suoi componenti anche il comune di Calatafimi Segesta. Encomiabile anche la sua infaticabile opera di mediazione nella delicata gestione della vicenda delle imprese del “Gruppo 6 GDO”, facente capo a Giuseppe Grigoli, che ha consentito la conservazione del posto di lavoro a numerosi dipendenti del luogo”.

“E’ ovvio, che trattasi di una situazione dai risvolti piuttosto complessi e delicati, da affidare innanzitutto alle istituzioni locali che – conclude il sindaco di Calatafimi Segesta Vito Sciortino – sono certo sapranno trovare la più saggia ed equilibrata soluzione nell’interesse della Città e dei cittadini di Castelvetrano, che senza dubbio la meritano”.

Letto 2038 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>