La pallacanestro Trapani, rimaneggiata, non ferma la prima della classe Scafati. Ducarello: “Una partita contro tutti e tutto”

Pubblicato: lunedì, 1 febbraio 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

viglianisiLa Pallacanestro Trapani, rimaneggiata, ha affrontato, nella diciannovesima giornata, la prima della classe Scafati, quindi una dura lotta per gli uomini di Ducarello. A non poter essere in campo sono Griffin, Ganeto e Filloy. Restano così in 5 i senior convocati, ai quali si aggiungono gli under Gloria e Molteni, l’undicesimo Costadura e i giovanissimi Fontana e Pollina, alla prima convocazione in prima squadra. Anche coach Perdichizzi, però, si scopre costretto a dover fare a meno di un pezzo da novanta come Simmons, per un problema muscolare. Trapani parte a uomo e, nonostante le rotazioni corte, non rinuncia a correre. Il quintetto granata fatica a trovare il canestro, ma passa presto a zona e la mette sulla bagarre, sostenuto dal pubblico del Pala Conad. Scafati tenta il primo allungo con una fiammata sull’asse Baldassarre-Mayo, quando Renzi si mette al lavoro. Il contro-break è immediato e coincide con il vantaggio interno propiziato da due liberi di Chessa (10-8 al 7’). Ma è ancora Mayo a dare nuova linfa ai suoi: il periodo si chiude in sostanziale equilibrio, con una schiacciata del solito Renzi. Gloria entra e segna al primo possesso della seconda frazione, mentre Mays si accende in penetrazione. Gli ospiti rispondono colpo su colpo, mentre Viglianisi finalmente rompe il digiuno dei suoi da oltre l’arco dei 6.75 (Trapani era partita 0/7). Ed è proprio grazie alle triple che gli ospiti rimangono in testa, anche se Mays e compagni non sembrano volerne sapere di mollare. Due assist, uno proprio di Mays e l’altro di Chessa, mandano a schiacciare Renzi in due azioni consecutive: è vantaggio Trapani e il Pala Conad esplode (36-35 al 19’). Scafati va all’intervallo lungo sopra di un punto per merito di una realizzazione di Rezzano, ma è battaglia vera al Pala Conad. E i 15 minuti di riposo fanno bene al quintetto granata, che riparte ancora più forte. Sempre con 4 giocatori esterni e Renzi a fare da boa, gli uomini di coach Ducarello giocano senza paura, anche al limite dell’errore. Se i granata rimangono pienamente in partita, è per uno straordinario dispendio di energie da parte di tutti gli atleti in campo. Il vantaggio interno tocca le 6 lunghezze con una tripla di Chessa (ottimo il suo apporto nel terzo quarto). Ma la reazione di Mayo e compagni è veemente e all’inizio dell’ultima frazione la contesa è in bilico. Di puri nervi, Viglianisi trova la forza di ribattere ancora al tentativo di allungo ospite. Portannese e Baldassarre si rendono utilissimi per la formazione campana, con difesa forte e rimbalzi su entrambi i lati del campo: a 5’ dal termine il tabellone recita 61-62. Con il passare dei minuti, tuttavia, le energie dei granata iniziano a scemare, così che Scafati è brava ad approfittarne con cinismo. Renzi è l’ultimo a mollare, riportando Trapani sul “meno 3” a 2:45 dal termine, ma la benzina sembra davvero essere finita per i granata e l’assenza di lucidità nei possessi seguenti ne è una comprensibile conseguenza. Tommasini ha un ultimo guizzo e fino al possesso conclusivo è lotta purissima: Mayo è preciso dalla lunetta e la partita si chiude con una vittoria esterna per la capolista. La Pallacanestro Trapani, tuttavia, esce dal campo avendo davvero poco da dover perdonare a se stessa.

Tra sette giorni ci sarà un altro test estremamente impegnativo per la truppa granata, sul parquet di Siena. E ci sarà di nuovo bisogno di una grande prestazione per provare a giocarsela, nella speranza che l’infermeria consegni al coach Ugo Ducarello un roster in condizioni meno deficitarie.

Pallacanestro Trapani–Scafati 74-77 (14-17; 36-37; 55-52)

Pallacanestro Trapani: Mays 15, Renzi 18, Tommasini 12, Gloria 2, Chessa 19, Molteni, Viglianisi 8, Costadura ne, Fonatana ne, Pollina ne. All. Ducarello.

Scafati: Portannese 14, Crow 6, Spizzichini 4, Rezzano 9, Baldassarre 13, Ammannato 4, Mayo 24, Loschi 3, Simmons ne, Di Palma ne. All. Perdichizzi.

Giovanni Perdichizzi (coach Scafati): “Sapevamo che Trapani avrebbe giocato con tre giocatori in meno. Questo ci preoccupava, perché conosciamo anche il cuore dei granata e l’abilità di coach Ducarello nel toccare questo genere di corde. I miei complimenti vanno proprio ai nostri avversari, che sono riusciti a condurci nel finale a giocare la sfida fino all’ultimo possesso, con la concreta possibilità di portare la gara a casa per entrambe le formazioni in campo. L’atipicità sfoderata dalla Pallacanestro Trapani e la difesa a zona ci hanno messo in difficoltà, ma abbiamo certamente subito anche l’assenza di Simmons: naturalmente, però, davanti ai problemi manifesti di Trapani non possiamo essere noi a lamentarci delle defezioni. E’ stata una partita di grande sofferenza e alla fine sono stati i possessi conclusivi a risultare decisivi. Siamo riusciti a spuntarla con le nostre armi e questo è certamente un risultato importante”.

ducarello (6)Ugo Ducarello (coach Pallacanestro Trapani): “E’ difficile fare un vero e proprio commento tecnico del match. Voglio ringraziare la squadra per il grande sforzo compiuto. Questa non era una partita solo contro la capolista, ma contro tutto e contro tutti. Nessuno si è tirato indietro ed è chiaro che abbiamo commesso alcuni errori, ma non ho davvero nulla da rimproverare ai miei giocatori, che meritano di essere elogiati, nonostante il risultato finale non ci abbia premiato. Nell’ultimo periodo il metro arbitrale ha influito e non credo sia stato equo: non vuol dire che Scafati abbia vinto per merito degli arbitri, ma dal punto di vista tecnico ci sono stati degli errori e lo stesso metro è un po’ cambiato nel corso del match. Così come è giusto segnalare ciò che poteva andare meglio a partire dalla squadra, e infatti dobbiamo ancora lavorare molto. In questo momento non ci gira nulla a favore e con un pizzico di fortuna oggi potevamo conquistare anche i due punti. Tenteremo di tenere alto il morale e questo gruppo sta tenendo duro: faremo di tutto per continuare su questa strada con positività, perché il fattore emotivo è una componente fondamentale per il proseguo del campionato. Stiamo guardando anche al mercato, ma sia chiaro che valuteremo solo l’eventualità di aggiungere al roster un giocatore davvero utile alla squadra e non un innesto fine a se stesso”.

Fonte: Comunicato Stampa Pallacanestro Trapani

Letto 264 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>