Messina Denaro e le stragi decise a Castelvetrano

Pubblicato: venerdì, 22 gennaio 2016
Vota l\'articolo
3
Vota l\'articolo
0

matteo-messina-denaroOrdine di cattura, l’ennesimo, per il latitante Matteo Messina Denaro. Fu per i pm di Caltanissetta mandante delle stragi siciliane del 1992.

Il boss della nuova mafia, quella “2.0”, il capo mafia al centro di quel crocevia di commistioni tra Cosa nostra, la politica, le imprese, l’uomo che avrebbe frequentato banche e logge massoniche, non a caso messe insieme come emerge da diverse indagini condotte nel tempo contro la cupola trapanese, adesso si ritrova indagato per la stagione stragista siciliana del 1992. Matteo Messina Denaro, capo mafia di Castelvetrano, 54 anni ad aprile, latitante dall’estate del 1993, è destinatario di una nuova ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura antimafia di Caltanissetta. Il nuove filone di indagini sulle stragi di Capaci e via D’Amelio riaperte dalla Procura nissena già quando era sotto la direzione dell’odierno procuratore generale sempre di Caltanissetta, Sergio Lari, ha portato anche a Matteo Messina Denaro che per le stragi, quelle del 1993, le bombe piazzate dalla mafia a Roma, Milano e Firenze, è stato già da tempo condannato all’ergastolo dai giudici fiorentini.

La presenza del boss Matteo Messina Denaro in queste nuove indagini sulle stragi di Capaci e Via D’Amelio, dove furono uccisi i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e Paolo Borsellino con i loro agenti di scorta, conferma l’assunto che l’ordine di piazzare il tritolo sotto l’autostrada di Palermo-Punta Raisi, e nella strada di Palermo dove abitava la famiglia del procuratore Borsellino, arrivò dai più alti vertici della mafia e dai boss, come Matteo Messina Denaro, che intanto avrebbero intavolato un dialogo faccia a faccia con uomini delle istituzioni. In questo scenario il capo mafia castelvetranese Matteo Messina Denaro c’entra perfettamente proprio perchè lui faccia a faccia con i politici si sarebbe spesso trovato. Nell’ordinanza di Caltanissetta si fa riferimento ad un summit tenutosi a castelvetrano durante il quale furono decise le stragi del 23 maggio e del 19 luglio 1992. Matteo Messina Denaro, boss super riservato anche con i suoi più fedeli complici, oggi poi sarebbe, secondo alcuni pentiti, il “custode” dell’archivio riservato dal capo mafia di Corleone Totò Riina.

Letto 1779 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>