Vessazioni psicologiche e maltrattamenti. Carabinieri arrestano un uomo

Pubblicato: mercoledì, 30 dicembre 2015
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
0

Iviolenza-sulle-donne-001 militari della Compagnia Carabinieri di Trapani, dopo accurate attività investigative, ieri hanno tratto in arresto a C.S. di 46 anni, in esecuzione dell’ordinanza applicativa di misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico emessa dal GIP del Tribunale di Trapani, in sostituzione della misura cautelare personale del divieto di avvicinamento alla persona offesa con la quale veniva imposto all’uomo l’assoluto divieto di avvicinarsi all’ex coniuge.

Quest’ultima, si era presentata presso la Stazione Carabinieri di Locogrande, denunciando le continue vessazioni psicologiche e i maltrattamenti fisici perpetrati dall’ex marito nei suoi confronti, avvenuti spesso alla presenza del figlio minorenne.

L’uomo, dopo le scrupolose verifiche da parte dei Carabinieri e dopo che il GIP del Tribunale di Trapani ha condiviso in pieno l’impianto accusatorio, costituito da numerosi e concordanti elementi raccolti è stato ritenuto responsabile di maltrattamenti e lesioni personali aggravate ai danni della ex moglie.

La donna infatti subiva da lungo tempo le violenze di quest’uomo, come dimostrano i gravi episodi ricostruiti e documentati dai Carabinieri, che hanno costretto la donna a ricorrere più volte all’ausilio di cure mediche, a causa delle lesioni riportate dopo essere stata picchiata e maltrattata dall’ex coniuge.

Alla luce di questi elementi di colpevolezza, tali da non lasciare dubbi riguardo il comportamento vessatorio e violento reiterato da parte del marito, tanto da comportare nella donna un costante stato di frustrazione e conseguente compromissione della serenità della vita domestica, il Tribunale di Trapani ha disposto che all’uomo fosse applicata la misura cautelare.

Nella giornata di mercoledì 23 dicembre dunque, i militari operanti hanno tratto in arresto l’uomo e, dopo le formalità di rito, lo hanno accompagnato presso il proprio domicilio in regime degli arresti domiciliari.

Letto 1592 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>