Il disavanzo di amministrazione che pagheremo per i prossimi 30 anni

Pubblicato: lunedì, 30 novembre 2015
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
13

consiglio comunale alcamo 4-3-15ALCAMO. Il consiglio comunale di venerdì scorso è stato convocato d’urgenza per votare il disavanzo di amministrazione, e la sua relativa gestione, che ammontava a circa 4 milioni e 900 mila euro. Si è giunti in consiglio con il parere sfavorevole della seconda commissione e con la proposta di prendere queste somme dagli investimenti che il comune ha deciso di affrontare nel prossimo periodo.

Il dirigente Luppino ha voluto specificare, invitato da diversi consiglieri a dare il proprio parere tecnico, che quella del comune di Alcamo è una situazione simile a quella di tanti altri comuni che si ritrovano in condizioni anche peggiori. Al termine della seduta si è optato per spalmare il disavanzo, creato nel corso di diversi anni e a causa di cattive gestioni di diversi servizi tra cui quello idrico, nei prossimi trentanni. Il comune pagherà dunque questi 4 milioni e 900 mila euro circa con una sorta di rateizzazione di 150 mila euro annui per i prossimi 3 decenni, con la speranza che la situazione non si ripeta di anno in anno lasciando alle future generazioni debiti e non servizi e prospettive migliori.

Letto 1385 volte.
3 Commenti
Dì la tua
  1. Vergonzo scrive:

    Va beh, ma cosi’ son capace anche io ad amministrare una citta’…..

  2. sparta scrive:

    VOTANDO PD O COMUNQUE SINISTRA IL DEBITO NON SARA’ MAI SALDATO.
    CAMBIANO I TEMPI E LORO SI ADEGUANO NEI MODI DI MANGIARE DENARO PUBBLICO:
    COOPERATIVE DI OGNI GENERE,
    ART. 23,
    FORMAZIONE,
    …E ADESSO IMMIGRATI.

  3. franco scrive:

    vabbè oramai i soldi se li sono fottuti. non so chi. però gli auguro che i soldi se li mangino a medicinali.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>