Operazione Eden 2. Fare “terra bruciata” intorno a Matteo Messina Denaro. Foto e Aggiornamenti

Pubblicato: martedì, 17 novembre 2015
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
0

Ros carabinieri Eden 2I Carabinieri del Ros e del Comando Provinciale, sempre attivi e mai domi, portano avanti operazioni finalizzate alla cattura del Bos mafioso Matteo Messina Denaro, colpendo i solidali al boss e le risorse economiche utilizzate per fini mafiosi, i sintesi facendo terra bruciata intorno al boss. Tra queste operazioni quella che sta portando i Carabinieri ad eseguire un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa su richiesta della Procura Distrettuale di Palermo, nei confronti di 4 esponenti di “cosa nostra” indagati per rapina e ricettazione aggravate dalle finalità mafiose. In particolare le indagine dei Ros e dei Carabinieri di Trapani hanno messo in evidenza gli interessi della famiglia mafiosa di Castelvetrano nell’attentato del Novembre 2013 a Campobello di Mazara (TP) ai danni di una società di trasporti, scoprendo un accordo tra le principali articolazioni di “cosa nostra” per la gestione dei progetti delittuosi comuni.

Dalle indagini è emerso, in particolare, il ruolo di Giorgio Provenzano, esponente di spicco del mandamento di Bagheria, il quale, su richiesta di Ruggero Battaglia, già tratto in arresto nella precedente operazione “EDEN 2” e nipote di Vernengo Ruggero, uomo d’onore della famiglia di Corso dei mille, si è adoperato al fine di:

–  coinvolgere, per il tramite di Francesco Guttadauro, la famiglia mafiosa di Castelvetrano nella realizzazione della citata rapina al deposito di Campobello di Mazara (TP);

–   reperire le autovetture e le pettorine recanti la scritta “polizia”, da utilizzare nel corso della attività criminosa;

–  definire le modalità di spartizione dei proventi della rapina a favore delle famiglie mafiose di Bagheria, Castelvetrano e Corso dei mille.

Il provvedimento colpisce, inoltre, due esponenti del gruppo di rapinatori che avevano partecipato alle fasi organizzative ed esecutive della rapina (Michele Musso e Domenico Amari), nonché il soggetto incaricato della vendita della merce trafugata (Alessandro Rizzo).

Amari Domenico 14.9.74 MUSSO Michele 3.6.78 PROVENZANO Giorgio RIZZO Alessandro 4.12.1978

Letto 1540 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>