Assaltano camion dei monopoli di stato e sequestrano i dipendenti. Finiti in manette due uomini

Pubblicato: mercoledì, 28 ottobre 2015
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

IMG_5239Nella giornata di ieri le gazzelle del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale dei Palermo, sono state impegnate in una serie di servizi di prevenzione e di controllo del territorio, finalizzati al contrasto dei reati contro il patrimonio, in particolare delle rapine in danno di furgoni per il trasporto di Tabacchi Lavorati Esteri.

Nella tarda mattinata di ieri i militari del Nucleo Radiomobile sono intervenuti su indicazione della Centrale Operativa, in corso Tukory dove un Carabiniere libero dal servizio era stato testimone di una rapina in danno di un trasporto di T.L.E. del valore di oltre 160.000 €.

In particolare, il militare aveva colto sin dai primi istanti dell’assalto al furgone carico di sigarette, chiari elementi che facevano presagire che si stesse consumando un reato, tanto da indurlo ad avvisare immediatamente la Centrale Operativa, che faceva scattare immediatamente il piano antirapina, disponendo in punti strategici del territorio – le c.d. vie di fuga – le gazzelle del Nucleo Radiomobile.

A tradire il piano accurato dei rapinatori, che già dopo essersi impossessati del furgone adibito a trasporto dei Tabacchi, avevano studiato sin nei minimi particolari il piano di fuga e la mimetizzazione con l’impiego di un altro mezzo di trasporto “pulito”, è stata la tempestività dell’intervento di un equipaggio che ha subito intercettato in una via del Villaggio Santa Rosalia i malviventi che avevano peraltro preso in ostaggio due malcapitati dipendenti della ditta che si occupa della logistica per il trasporto dei tabacchi in città.

Per i Carabinieri intervenuti, l’apprensione maggiore è stata sin da subito quella di garantire la sicurezza dei due malcapitati dipendenti, che erano stati costretti ad obbedire agli ordini di uno dei rapinatori che li minacciava di sparargli se questi non avessero eseguito alla lettera le sue indicazioni.

La fuga dei rapinatori si concludeva nei pressi di un mercato rionale del Villaggio Santa Rosalia, dove i Carabinieri riuscivano a bloccare sia il rapinatore che aveva preso in ostaggio i due dipendenti della ditta a bordo del proprio furgone, sia il complice che era invece rimasto alla guida del furgone “pulito” che sarebbe stato poi utilizzato per mimetizzare il trasporto della refurtiva indisturbati.

Sono così finiti in manette gli incensurati palermitani TROJA Gaetano classe 1974 e PATERNOSTRO Giuseppe classe 1985, i quali su disposizione dell’Autorità Giudiziaria hanno trascorso la notte nelle camere di sicurezza della caserma “Tukory” in attesa del giudizio direttissimo che si terrà nella giornata odierna presso il Tribunale di Palermo.

Sono in corso ulteriori accertamenti dei Carabinieri finalizzati all’individuazione degli ulteriori complici che abbiano partecipato alla rapina del furgone adibito al trasporto di T.L.E.

troja gaetano PATERNOSTRO GIUSEPPEIMG_5239 IMG_5238 IMG_4320 IMG_4303

Letto 1093 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>