Sicilia è l’Isola che non c’è

Pubblicato: martedì, 8 settembre 2015
Vota l\'articolo
3
Vota l\'articolo
0

Sicilia pugnalataVolare via non si può, visto i ritardi troppo frequenti negli aeroporti, non si può girare all’interno visto il ventennale disinteresse dell’Anas e le responsabilità politiche a tutti i livelli, infine le difficoltà di Telecom a garantire la copertura della rete internet nelle zone turistiche. Ecco a voi l’Isola che non c’è, la Sicilia, tagliata fuori da tutto.

Cosa succede? Roma si prende i soldi destinati agli aeroporti, alle strade, alla banda ultralarga per le città siciliane. Insomma la Sicilia dimenticata è stritolata dai ritardi della Regione e da scelte, quantomeno discutibili, del Governo nazionale. I fondi Pac destinati agli enti locali non spesi a settembre 2014 se li è ripresi lo Stato, quindi niente fondi niente di niente. La Sicilia martoriata tra difensori dell’era “romantica” e assurdi personaggi che accusano: ma se non li spendete o non li sapete spendere. Se lo Stato in passato avesse attuato politiche serie e coloro che si sono susseguiti al governo della Regione non fossero stati dei passacarte dello Stato, oggi parleremo di una Regione diversa, quindi che lo Stato non prenda scuse e che il Governo regionale si smuova, i cittadini siciliani non possono essere ancora considerati e visti come cittadini di serie D.

Manca solo che tolgono la Sicilia dalla carta geografica.

Letto 578 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>