Condannati gli amministratori della Tonnara di Scopello: “Chi sono gli speculatori?” così dal coordinamento Mare Libero di Scopello.

Pubblicato: sabato, 1 agosto 2015
Vota l\'articolo
6
Vota l\'articolo
1

Tonnara_di_ScopelloOrmai tutto può accadere sulla vicenda della Tonnara di Scopello: il Tribunale di Trapani ha rimosso, per irregolarità amministrative e contabili, i dirigenti della Comunione della Tonnara di Scopello e nominato tre amministratori giudiziali. A presentare un esposto all’autorità giudiziaria sono stati i soci di minoranza della struttura.

Con sentenza inappellabile, gli amministratori  della Tonnara di Scopello sono stati condannati per irregolarità amministrative e contabili” si legge in un comunicato inoltrato dal Coordinamento Mare Libero di  Scopello.

Loro, che si ergevano a paladini della correttezza e dell’ambiente – si continua -, che tuonavano contro le associazioni e i cittadini  che lottavano per il libero accesso al mare, loro sono gli stessi che per anni hanno utilizzato abusivamente la spiaggetta sotto la Torre Ferdinandea inagibile per pericolo di crolli dal 2001, e sono gli stessi che, a causa di una gestione allegra  dei libri contabili , sono stati  rimossi dalla loro funzione e sostituiti da tre amministratori giudiziari, mentre gli atti sono stati inviati  alla Procura per ulteriori accertamenti.

“Si conferma così quanto da noi detto da tempo: quello che effettivamente muoveva i proprietari era un interesse puramente speculativo che li portava a mettere a reddito non solo gli immobili di loro pertinenza  (cosa assolutamente legittima e condivisibile), ma anche il mare, e i Faraglioni sui quali pretendevano di avere il copyright.

La cosa grave è che in tutto ciò  sono stati spalleggiati dalla Soprintendenza di Trapani e soprattutto  da alcune associazioni ambientaliste  come LegAmbiente,che  attraverso il suo direttore  regionale, Zanna, si è fatta portavoce delle posizioni della proprietà,  allontanandosi  completamente dalla posizione avuta fino a pochi  anni fa e giungendo a dichiarare falsamente che, a pochi giorni dall’apertura dell’accesso  libero, la Tonnara è diventata un orrendo bivacco.

“Cosa hanno da dire le istituzioni sull’ operato della Soprintendenza?
E cos’hanno da dire gli iscritti e gli altri dirigenti di LegAmbiente sulla linea finora seguita e sulla posizione di un direttore  che non ha mostrato alcuna autonomia  rispetto alla proprietà??

“Ci auspichiamo – si conclude – che l’inchiesta  della Procura aiuti a fare chiarezza su questa vicenda e a restituire  dignità  alla battaglia di chi da anni difende il diritto all’ accesso libero al mare di Scopello.

Letto 3059 volte.
1 Commento
Dì la tua
  1. Zanna non hai nulla da dire a difesa dei “civilissimi” proprietari della tonnara,sai solo parlare a vanvera contro i castellammaresi?Noi siamo stati definiti vandali ma per voi quale termine possiamo usare….

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>