Proteste per i lavori di ristrutturazione di Torre Bennistra. Manifestanti bloccano i lavori preoccupati per i rischi ambientali.

Pubblicato: mercoledì, 1 luglio 2015
Vota l\'articolo
4
Vota l\'articolo
0

Torre Bennistra (2) Nella prime ore della giornata di ieri, un gruppo di abitanti di Scopello ha protestato e bloccato, simbolicamente, le operazioni preliminari per la ristrutturazione della Torre Bennistra.

I manifestanti recatisi alle 7:30 del mattino sul luogo, preoccupati dalle modalità d’intervento della ditta, hanno chiesto maggiori dettagli sul tipo di attività che stessero svolgendo.  Sul posto sono arrivati anche due pattuglie dei carabinieri, una dei vigili urbani e i tecnici del comune.

Torre BennistraLe attività contestate dai cittadini alla ditta sarebbero riconducibili alla creazione di una strada temporanea, creata con l’intento di poter accedere alla Torre con i propri mezzi. La strada ha una larghezza pari a 2,5 metri (secondo i manifestanti in alcuni punti supererebbe anche oltre i 2,5 metri), ed è stata realizzata utilizzando del materiale inerte aggregante che in alcuni punti raggiungerebbe lo spessore di un metro.

Durante i colloqui con i manifestanti, la ditta e i tecnici del comune, hanno assicurato che l’ampiezza della strada verrà ridotta a 1,5 m e il materiale aggregante rimosso il prima possibile (è realistico però pensare che il materiale aggregante rimarrà in parte coperto dal terriccio rosso che ricoprirà i sentieri).

Torre Bennistra (1)Molti però i dubbi sull’idoneità dell’intervento, in quanto l’area adiacente a Torre Bennistra è una zona ZPS, con gli stesi vincoli della riserva naturale dello Zingaro. I manifestanti si dichiarano ugualmente preoccupati per la mancata tutela della fauna e flora locali che sono stati intaccati inevitabilmente con l’intervento dei mezzi pesanti. Non capiamo come la soprintendenza abbia dato un determinato indirizzo ai lavori su un territorio protetto e di estrema bellezza come quello antistante a torre Bennistra. Di norma, i sentieri nelle aree protette sono realizzati con interventi a minimo impatto ambientale (sentieri sterrati, passerelle in legno, ecc.). Ci chiediamo con quali criteri abbiano potuto concepire tali movimenti di terra non considerando nella giusta misura altre alternative.

Letto 1280 volte.
4 Commenti
Dì la tua
  1. Serio scrive:

    Quando ci sono soldi pubblici da spartirsi sparisce qualsiasi regola. Andate a vedere a quanto ammontano le spese per la ristrutturazione della vecchia guardia medica..immorale!! Per non parlare delle decine di migliaia di euro che stanno sperperando per deturpare la fontana! Già immagino lo scempio che faranno alla torre! Se almeno le istituzioni si limitassero ad essere assenti,i danni sarebbero limitati, ma ogni volta che intervengono fanno danno!!!

  2. Aldo scrive:

    BASTA CON QUESTO AMBIENTALISMO ARROGANTE E SCONSIDERATO !!! Sempre i soliti falsi-ambientalisti che compaiono a loro piacimento quando ci si avvicina alle loro esclusive villette!! Perché non vi preoccupate dei veri problemi ambientali del territorio di Castellammare del Golfo!! Ogni anno la montagna brucia ed ettari di boschi vanno persi e con loro flora e fauna bellissima e non ho mai sentito parlare nessuno come se tutto questo è normale!! a Castellammare la fogna sfocia direttamente in mare e nessun ambientalista si attiva !! Pero appena si avvicinano alle vostre belle villette per creare qualche attrazione turistica o fare delle opere d’interesse pubblico ecco che spuntate con i vostri striscioni forti delle vostre amicizie altolocate !! Vergognatevi a voi non interessa niente delle piante o della fauna che vi circonda a voi interessa solo stare tranquilli nelle vostre belle case!! Se si deve ristrutturare quella torre prima che vada persa per sempre che ben venga quella strada e ricordate CHE IL MATERIALE AGGREGANTE PER FARE QUELLA STRADA INQUINA MENO DELLA VOSTRA IPOCRISIA!!!

    • Caro Aldo,
      a giudicare dalla tua risposta mi sembri una persona sensibile alle problematiche locali, forse sei anche un’attivista locale che si batte per le questioni ambientali. Oppure desidereresti solamente avere una villetta a Scopello e goderti le meraviglie di questo tratto di costa siciliana che si contraddistingue (o si contraddistingueva) per l’unicità della natura e che, come ricordavi nel tuo commento, è spesso intaccato inesorabilmente dai frequenti incendi.
      Adesso, ci sono diverse questioni latenti che riguardano questo territorio come ben dicevi. Ma da una piccola presa di posizione come questa (e ci sono altri esempi che ti potrei riportare) qualcosa si è smosso e/o spero si smuoverà (in primis la COMPLETA rimozione del materiale aggregante a fine lavori, in secondis con la presa di coscienza, da parte dei progettisti, dell’impatto ambientale e sociale delle opere , infine con la presa di coscienza che ogni cittadino di questo benedetto paese può, anche solo 1 volta o più volte, alzare la testa e dire QUESTO NO, QUESTO NON SI FA O QUESTO SI POTEVA FARE ALTRIMENTI! ).

      La domanda che si sono posti questi “falsi ambientalisti” è stata: Per quali ragioni si è scelto il metodo più invasivo a discapito di quello meno invasivo? è solo una domanda che ha dato seguito a delle riflessioni e, ti assicuro, le riflessioni non nuocciono a nessuno.

      Ad ogni modo non ti preoccupare, i lavori proseguiranno come da progetto e la ZPS sul quale poggia Torre Bennistra non potrà più considerarsi tale.

  3. Aldo scrive:

    Riferendomi a chi ha risposto al mio commento : Mi scusi se intendo provocare ancora ma in primis per godersi quello che lei chiama ”tratto di costa siciliana..ecc. ” posso garantire che non serve avere la villetta a Scopello !! ci sono diversi modi per godersi e apprezzare la natura e le sue bellezze !! Secondo da cittadino mi chiedo come mai prima e stato permesso di costruire delle villette fino in riva al mare(dove erano gli ambientalisti a quel tempo??)) e poi nei terreni che sono rimasti si sono fatte le zone ZPS ??? forse per favorire qualcuno? o non disturbarlo? Mi creda nel tratto di costa che va da Guidaloca all’inizio della riserva dello Zingaro non è rimasto più niente che possa incoraggiare l’avi-fauna a passare da quelle parti!! L’amore per l’ambiente non fa figli e figliastri ed è vomitevole quando qualcuno (mi auguro non lei) lo usa a suo piacimento solo per rompere le scatole o per scopi politici ed di interesse personale!!!

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>