Massimo Fundarò: “Bonventre si dimetta per non essere ricordato come uno dei peggiori sindaci”

Pubblicato: martedì, 2 giugno 2015
Vota l\'articolo
5
Vota l\'articolo
4

Massimo-FundaròALCAMO. Nonostante Massimo Fundarò sia stato nella prima rosa di assessori che Sebastiano Bonventre aveva scelto, per accompagnarlo nell’avventura da primo cittadino, adesso è proprio l’esponente di Sel a lanciare una critica feroce sull’attuale sindaco di Alcamo. Un momento non proprio d’oro quello attuale per Bonventre, accusato di essere massone insieme al suo vicesindaco all’indomani della chiusura del processo sui risultati delle ammnistrative. Anche su questo Massimo Fundarò chiede spiegazioni al sindaco pur non esprimendo un pensiero preciso sulla questione

Di seguito il pensiero, integrale, espresso da Massimo Fundarò verso il Sindaco: “Signor Sindaco, credo che la nostra cara città stia attraversando uno dei momenti più bui della sua storia. Alcamo è una città in declino! Una pesante e lunga crisi economica coinvolge ogni settore della vita produttiva: agricoltura, artigianato, edilizia, commercio registrano ogni giorno chiusure e fallimenti. Questa difficilissima situazione ha come corollario una drammatica questione sociale. Non c’è lavoro, la disoccupazione ha raggiunto livelli intollerabili non solamente fra i giovani ma anche tra i cinquantenni.

Sarebbe ingiusto ed ingeneroso attribuire a lei ed alla sua giunta responsabilità per questa crisi che ha ragioni strutturali profonde e complesse. Se dobbiamo individuare delle colpe politiche, il nostro sguardo andrebbe rivolto all’Europa dell’austerità, ed all’indifferenza ed all’incapacità del governo nazionale e regionale. Ma non posso non rilevare, la mancanza di qualsiasi atto, di qualsiasi iniziativa da parte sua volta a contrastare od ad alleviare questa lenta agonia, questo declino inesorabile che avvolge la nostra città.

Signor Sindaco, non io, ma la stragrande maggioranza delle cittadine e dei cittadini, registrano la sua inutilità. Lei ha dimostrato di essere assolutamente inadeguato a svolgere il ruolo per il quale è stato eletto dai cittadini. Guidare il Comune, non è come presiedere il Rotary od un club di servizio, richiede un impegno assiduo ed esclusivo, lei non ha garantito ne’ l’uno ne’ l’altro. I suoi propositi di discontinuità rispetto al passato sono stati disattesi. Le sue promesse di cambiare verso non si sono mai realizzate.

Le ultime notizie riguardanti la sua affiliazione alla Massoneria sono disarmanti. E’ giunto il momento di dire, finalmente, la verità.

Alla luce di queste amare considerazioni, la invito a rassegnare le dimissioni, a togliere il disturbo. Forse, questo suo estremo atto di coraggio e di dignità, le eviterà di essere ricordato come uno dei peggiori sindaci che Alcamo abbia avuto nella sua storia recente”.

 

Letto 2101 volte.
4 Commenti
Dì la tua
  1. Benedetto XVI scrive:

    Fossi in te, io ci starei

  2. Pane&Panelle scrive:

    La provincia di Trapani….terra di massoni e di medici impegnati in politica….terra di club service dove ci si pavoneggia animati da una latente ipertrofia dell’io….terra di latitanti e di mafiosi a 24 carati….terra difficile dove tutto è controllato e diretto da chi si cela dietro cariche pubbliche e/o imprenditoriali…la provincia di Trapani…

  3. LiberAlcamo scrive:

    …non capisco cosa vuole dire e fare Massimo Fundarò,è stato il sostenitore N.1 di Sebastiano Bonventre & Company a Sindaco di Alcamo !
    adesso che non ha più Poltrone & Potere vuole le dimissione del Sindaco ?…Mah!

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>