Maliditta la Miseria, commedia comica al Teatro Cielo D’Alcamo

Pubblicato: giovedì, 30 aprile 2015
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

maliditta la miseria 1Stasera ore 21.15, Teatro Cielo D’Alcamo di Alcamo (TP),  la Cooperativa Piccolo Teatro chiude la XXXII  Rassegna della Prosa e dello Spettacolo con il Teatro Stabile Nisseno in: “MALIDITTA LA MISERIA…!”

Commedia comica in due tempi  diretta da EDUARDO SCARPETTA

Rielaborazione, adattamento in  lingua siciliana e regia: GIUSEPPE SPECIALE.

Protagonisti: Giuseppe Speciale, Giovanni Speciale, Salvina Fama,Ilaria Giammusso, Totò Cannistraci, Simona Scarciotta, Adriano Dell’Utri, Giuseppe Minnella, Teresa Calabrese, Raimondo Coniglio, Giovanna Lomagno.

Trama:

“Pasquale è uno squattrinato popolano che vive alla giornata facendo lo scrivano e condividendo la casa insieme alla figlia Pupella e alla moglie Concetta, con l’amico Nicolino di professione salassatore, con la rispettiva amante donna Luisella. I cinque sono ridotti allo stremo per mangiare continuano a portare al Monte dei pegni i loro miseri abiti  e qualche oggetto prezioso.

Un giorno il marchesino Filiberto bussa alla loro porta per chiedere un favore; egli è innamorato della bella Elena, ma la sua famiglia si oppone all’unione, poiché la ragazza non è nobile. Il padre della ragazza invece, il cavaliere Paolo Pignata ex cuoco divenuto molto ricco avendo ereditato i beni del suo padrone, è felice di consentire al fidanzamento poiché imparentarsi con dei nobili sarebbe il suo sogno, ma pretende di conoscere i parenti del giovane. Il marchesino dunque chiede a Nicolino e a Pasquale insieme alla moglie di quest’ultimo di travestirsi e fingere di essere i suoi nobili familiari e di presentarsi con lui a casa della sua fidanzata. Don Paolo non si rende conto della messa in scena, e non solo cede la mano della figlia ma riesce (ovviamente con facilità) ad ottenere il “privilegio” di avere i nobili parenti del marchesino a pranzo.

Ma i colpi di scena sono imminenti; Maria cameriera personale di Elena, è la moglie di Nicolino, che anni prima lasciò, stufa dei suoi tradimenti. Nicolino si riappacifica con Maria. Come se non bastasse Luisella che non aveva preso parte alla finzione, si presenta a sorpresa, litigando con Nicoliono e facendo scoprire l’inganno.

A questo punto il cavaliere Pignata, padre di Elena scopre tutto e vuole mandare a monte il fidanzamento. Il marchesino però lo convince che il padre ha già dato per iscritto il consenso al matrimonio tra i due ragazzi.

Come è tipico della tradizionale farsa, non mancano i colpi di scena, i ribaltamenti di ruolo, le situazioni paradossalmente comiche che s’innescano una nell’altra. Sono tutti spunti possibili per ampliare le scene in altrettante ipotesi comiche, per estendere le trovate narrative in veri e propri “scketches”.

 

Prevendita c/o Piccolo Teatro – Alcamo tel. 092427299.

Letto 595 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>