Furto di cavi elettrici a Castellammare. Bloccato il sollevamento dell’acqua dal pozzo di Inici.

Pubblicato: venerdì, 24 aprile 2015
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
1

rameCASTELLAMMARE DEL GOLFO. L’ufficio tecnico di Castellammare ha constatato il mancato funzionamento delle pompe che sollevano l’acqua dal pozzo di Inici, a causa  del furto di circa 700 metri di cavi elettrici.

Il sindaco Nicolò Coppola ha subito attivato gli uffici dell’Enel nella speranza di ripristinare nel più breve tempo possibile l’erogazione di energia elettrica necessaria al funzionamento degli impianti di sollevamento, ma il furto ha interessato un ingente quantitativo di cavi che richiederà un pò di tempo per la sistemazione. Ci saranno certamente disagi prima di tornare alla piena efficienza del servizio. Il pozzo infatti, rifornisce gran parte della rete idrica comunale.

Il servizio idrico cittadino, infatti, come ha spiegato l’assessore ai Lavori Pubblici Antonino Marchese in una dettagliata relazione nel corso dell’incontro  “Acqua bene comune” è alimentato dal Pozzo gemello di Inici con 38 litri al secondo e da altri due pozzi per un totale di 52 litri al secondo.

Altre fonti si trovano a Scopello e Balata di Baida per una dotazione complessiva è di 65 litri al secondo. «L’obiettivo principale dell’amministrazione è costituito dalla riqualificazione dell’impianto e dal recupero della dotazione mancante per raggiungere una dotazione pro capite in linea con le medie regionali.Il buon funzionamento della rete idrica necessita di tutti gli elementi che la costituiscono. L’assessore Antonino Marchese dichiara: L’EAS è debitrice nei confronti del Comune di circa 2.000.000 euro, di cui circa 900.000 per tributi per il depuratore riscossi per nostro conto ed il resto quale rimborso per lavori di manutenzione eseguiti nella rete. Il debito si aggira di media attorno a 100.000 euro all’anno ed in particolare nel 2014 il Comune ha sostenuto  una spesa pari a 140.000 euro circa, per risolvere problemi di perdite lungo le linee, per la rottura delle pompe  dei pozzi … ».

I lavori di rifacimento  della rete risalgono a circa quaranta anni fa, l’EAS non esegue manutenzioni da moltissimi anni e  l’amministrazione si sostituisce all’Ente intervenendo un po’ su tutti gli elementi del sistema come ad esempio le saracinesche che, essendo arrugginite, risultavano non manovrabili, arrecando ovviamente disagi ad intere zone. Quindi le soluzioni: «L’amministrazione si è già impegnata nella ricerca di nuove fonti di approvvigionamento individuando pozzi privati già esistenti per i quali ha richiesto l’autorizzazione all’utilizzo (come il pozzo di Gagliardetta che ha una potenzialità pari a 10 l/s e un altro pozzo che è sotto controllo in zona Petrazzi con potenzialità’ di 3 l/s).  Si è anche ipotizzato di procedere alla trivellazione di un pozzo nelle vicinanze del centro abitato. Oggetto di studio è anche l’ampliamento del  serbatoio di porta Fraginesi, snodo fondamentale per il paese in quanto interessa la zona del centro medio e basso, quindi al servizio della quasi totalità delle strutture alberghiere,  come conclude l’assessore Antonino Marchese. In ultima analisi il servizio idrico di Castellammare presenta tante criticità e deve essere migliorato e potenziato, ma con una popolazione di 15.000 abitanti la fornitura idrica attuale, rotture e perdite permettendo, può essere definita accettabile e comunque al di sopra della media dei Comuni appartenenti all’ATO7».

Letto 977 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>