Gaspare Noto: il Polo universitario di Trapani non si tocca

Pubblicato: mercoledì, 15 aprile 2015
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
1

gaspare notoALCAMO. Sulla questione del Polo Universitario di Trapani interviene Gaspare Noto del PD.

Per Noto il Polo di Trapani non andrebbe toccato, anzi va sostenuto e potenziato.

Abbiamo in pari tempo – commenta Noto – ben chiaro che una serie di emergenze stanno penalizzando pesantemente il sistema universitario italiano, ma questo non giustifica il governo e la classe dirigente politica ìn modo particolare quella della nostra provincia a continuare a rimanere in quaresima su questa delicatissima questione.

Noto inoltre rivolge un appello a tutti i politici locali di partecipare all’assemblea del 20 Aprile alle ore 16 presso il Polo per affrontare tutti insieme la questione.

Inoltre, si tira in ballo anche il partito di appartenenza di Noto.

Il Partito Democratico – conclude Noto – soggeto politico di governo, ha il dovere di dare il proprio contributo in modo più diretto e responsabile.

Letto 1070 volte.
9 Commenti
Dì la tua
  1. Valenziano scrive:

    Mi scusi, Noto, ma mi vuole spiegare per quale motivo uno studente di Alcamo, città che dista 50 km da Trapani e 50 km sa Palermo, dovrebbe sostenere il c.d. polo universitario di Trapani? Specie considerato che in dindini ci costa 850.000 euri l’anno? Non è meglio spenderli per le Case dello Studente e le mense universitarie, piuttosto che destinarne la maggior parte alle spese per sede, personale ed amministrazione di una università provinciale frequentata da un 70ina di studenti? Di una facoltà che non comporta nemmeno obbligo di frequenza? Ma come li spendete i nostri soldi?

    • Raddina7 scrive:

      Buonasera, scusatemi ma che senso ha spendere 850.000€ a spese dei cittadini per una struttura fatiscente con 70 iscritti l’anno non frequentanti? Che vadano a lezione nella vicina Via Maqueda di Palermo, tanto i professori sono uguali in tutto e per tutto….

      • vedo che a generalizzare con informazioni sbagliate ve la cavate, quindi mi permetto di puntualizzare alcuni punti:gli 9iscritti al polo non sono 70, ma lo sono stati solamente quest’anno, e ciò è frutto del terrorismo psicologico che da anni avviene sulla chiusura dello stesso e i dati a cui si è fatto riferimento non includono scienze biologiche ed enologia(non presente a palermo o in altre sedi). secondo nella “vicina via maqueda non hanno i posti per seguire le lezioni/esami nemmeno per gli attuali iscritti, figuriamoci per i circa 1200 studenti che dovrebbero secondo la sua proposta confluirvi.

        • Raddina7 scrive:

          Terrorismo psicologico? Ma se tutti gli studenti delle province di TP ed AG (compresa TP) preferiscono andare nella sede centrale di Palermo o addirittura i trapanesi stessi, pur avendo il corso di laurea nella propria città, preferiscono per giurisprudenza andare al nord (vedi Pisa, Siena, Milano ecc..) dato che a Trapani avete gli stessi identici professori della sede palermitana. Poi rispondendo a quello che hai scritto ti dico che scienze biologiche sono tuttalpiu’ un 30 iscritti su 70 posti, ed Enologia si trova a Marsala quindi non all’interno del cd Polo di Trapani. Infine mi permetto di dirti, in merito al punto secondo date citato, che nella vicina Via Maqueda hanno un sacco di aule capienti e vuote dove potrebbero ospitare anche l’ateneo di Catania e Messina insieme. Saluti

      • scusate ho dimenticto a scrivere che quando mi sono iscritto io eravamo 280 gli iscritti a giurisprudenza nel canale di Trapani

    • Giorgio Alesi scrive:

      La invito ad informarsi prima di parlare, visto che gli studenti non sono una settantina e soprattutto la maggior parte degli iscritti abita ad Alcamo, gli studenti del polo dovrebbero essere più di 1200 considerando i tre corsi di laurea

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>