Mazara, il progetto “NUOVI ITALIANI” vola all’expo

Pubblicato: mercoledì, 11 marzo 2015
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Expo2015MAZARA DEL VALLO. Il 3 luglio sarà presentato all’expo di Milano il progetto “NUOVI ITALIANI” della Regione Siciliana. Il dirigente dell’Assessorato regionale alla famiglia, politiche sociali e lavoro, Pietro Fina , ha ufficializzato la notizia durante il convegno tenutosi a Mazara del Vallo. Il progetto, finanziato dall’Assessorato regionale nel 2011, ha come scopo l’inclusione  socio lavorativa degli immigrati di prima e di seconda generazione. L’evento condotto dalla Fondazione San Vito Onlus (ente capofila) ha avuto come protagonisti 15 donne tunisine per l’apprendimento delle tecniche di pasticceria siciliana, e 10 uomini di aziende agricole per salvaguardare il territorio.Al progetto “Dolce Mediterraneo, tra cultura e integrazione” parteciparono anche il Vescovo, l’europarlamentare Michela Giuffrida, Mourad Sakli, già Ministro della cultura di Tunisia. Il pensiero dell’onorevole Giuffrida, riguardo l’immigrazione, è quello di non focalizzarci esclusivamente su ciò che ci viene detto al momento, ma soprattutto è importante “il momento dell’inclusione e dell’integrazione, e questo progetto ha scelto una relazione vincente tra cibo e lavoro”.“Dobbiamo valorizzare tutto quello che siamo e abbiamo, senza metterci davanti mega progetti che possono essere ben congegnati sulla carta ma con poche ricadute nella vita quotidiana – ha sottolineato il Vescovo – dobbiamo partire dai bisogni primari, solo così si può innestare un processo di buone pratiche che ci aiutino a elaborare modelli che diventino esemplari per nuovi stili di vita di convivenza nel Mediterraneo”.

Irene, Milena, Simone e Giorgia della 3°A dell'istituto Magistrale Vito Fazio Allmayer

Letto 618 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>