Sicilia, l’Europa taglia i fondi per il patrimonio culturale

Pubblicato: martedì, 10 marzo 2015
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
2
Ignazio CorraoL'Europa ha deciso un taglio netto per i fondi destinati al patrimonio culturale della Sicilia, settore strategico per la Sicilie e per l'Italia. Come mai? L'Europa ce l'ha con la cultura? Ce l'ha con la Sicilia? Assolutamente no, questo taglio deriva dal fatto che la Sicilia non ha "speso" i precedenti fondi, o meglio ne ha spesi una parte esigua, quindi la causa sembrerebbe l'immobilità politica e una gestione indecente. Di quest'avviso è pure l'Eurodeputato del Movimento 5 Stelle che dichiara: "I numeri di spesa raccontano una gestione indecente, scandalosa, in cui in alcuni casi si è arrivati a spendere dopo sette anni solo lo 0,65 dei soldi disponibili. Ad esempio su 70 milioni disponibili, la Sicilia ha speso solo 460 mila euro nel caso dell'obiettivo 3.1.3 volto a Sperimentare e sviluppare azioni volte alla produzione, divulgazione e fruizione delle nuove forme artistiche legate all’arte contemporanea. Nel periodo 2007-2013 l'Asse dedicato al patrimonio culturale si è rivelato uno dei più critici. Una gestione incapace di far fruttare le straordinarie opportunità derivanti dai Fondi UE, ancora un esempio: Su 130 milioni – sottolinea Corrao -  solo 24 erano stati impegnati al 31 dicembre 2014. Ma mentre in Parlamento europeo, cerchiamo di tenere alta l’attenzione della Commissione sulle reali esigenze del territorio siciliano – conclude l’eurodeputato alcamese - chiedo al presidente Crocetta, che fine hanno quei pochi fondi che sono riusciti ad intercettare e quale sarà la strategia della Regione per il prossimo periodo”.
Letto 571 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>