Tante incertezze per l’aeroporto di Trapani Birgi e Pantelleria in caso di intervento ONU

Pubblicato: venerdì, 20 febbraio 2015
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
1

BirgiTRAPANI. Gli scenari di guerra aperti dalle ultime notizie con l'annunciata avanzata dei miliziani dell'Isis (Stato Islamico dell'Iraq e della Siria) che arrivano in Libia, non sono certo tra i più tranquillizzanti, e in questo contesto si inseriscono le incertezze sulla funzionalità civile per gli aeroporti di Trapani Birgi e Pantelleria.L'Italia  si è resa disponibile a partecipare alla lotta al terrorismo e a guidare una forza Onu (Organizzazione Nazioni Unite) contro lo Stato islamico, come ha dichiarato  il  Ministro Gentiloni a mezzo stampa, ribadendo che Italia nella lotta al terrorismo è in prima linea. Come già avvenuto nel 2011, l'aeroporto civile rischia la chiusura immediata per permettere all'aeronautica militare italiana insieme alle forze ONU,  autorizzati dalla risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza, di alzarsi in volo e bombardare gli obbiettivi libici. In occasione della discussione in materia di "operazioni militari e sicurezza internazionale",il 18 settembre dello scorso anno,  il portavoce M5S Santangelo chiese  al Ministro della Difesa Pinotti vista la situazione della crisi libica, già allora in atto, se fosse in previsione del ministero un nuovo diretto coinvolgimento degli aeroporti militari e civili di Trapani-Birgi e Pantelleria, ma  in quella sede non fu data risposta non essendo in previsione  una programmazione. Santangelo sostiene  sia  arrivato il momento che il governo dica a tutti gli italiani, quali siano le effettive intenzioni dell'Italia per non ritrovarci tutti davanti ad uno scenario di guerra non programmato, in quanto  l'interdizione dello scalo aeroportuale di Trapani-Birgi,   condizionerebbe  la stessa ragione economica dell'aeroporto e del territorio al quale, si riconosce una spiccata destinazione turistica, con una ricaduta negativa sul comparto. Il territorio trapanese attende ancora l'adozione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, previsto dall'articolo 4-bis.., del decreto-legge 107 del 2011, in base al quale si sarebbero dovuti individuare gli interventi da attuare in riferimento al comma 1, al fine del sostegno e rilancio dei settori dell'economia delle province interessate dagli ingenti danni conseguenti alle decisioni assunte con la risoluzione dell'ONU n. 1973 del 2011. La Presidenza del Consiglio dei Ministri non ha mai convocato il tavolo di concertazione con urgenza, come previsto da un comma dell'articolo 4-bis, con la partecipazione dell'allora Provincia di Trapani, per definire e individuare gli interventi da attuare.Tante le domande difronte a tale inadempienza, ed un' unica certezza: la ricaduta negativa sul turismo e su quanti hanno investito in questo. Santangelo vuole  risposte immediate per i cittadini del trapanese, che sappiano con certezza cosa il ministro intende fare e quali misure si vogliono porre in essere per evitare che le perdite siano sempre dei cittadini.

Letto 2379 volte.
1 Commento
Dì la tua
  1. valenziano ha detto:

    Se penso a quanti soldi gli stiamo regalando per farci rimanere Ryanair..

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>