Entrava a casa delle sue vittime spacciandosi per una dipendente Enel: arrestata

Pubblicato: giovedì, 19 febbraio 2015
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
0

DI GIOVANNI VASANANel pomeriggio di ieri, i carabinieri della Stazione di Calatafimi Segesta, diretti dal Maresciallo Giuseppe De Rosa e coordinati dal Capitano Savino Capodivento Comandante della Compagnia di Alcamo, hanno tratto in arresto in flagranza di reato Di Giovanni Vasana, classe 1984, di origini thailandesi, ma da anni residente a Marsala.

La donna con la scusa di proporre un contratto per conto dell'Enel, ha bussato alla porta di un'anziana vedova abitante nel centro di Calatafimi Segesta. La signora, ultraottantenne, facendosi raggirare dall'astuta ragazza, apparentemente dai modi affabili e cortesi, le ha permesso di entrare in casa. Ma la donna, approfittando della situazione, si è immediatamente impossessata del portafoglio della malcapitata posto su un mobile della cucina, per poi andarsene con disinvoltura.

L'anziana donna, accortasi dell'ammanco, dopo alcuni istanti ha informato i carabinieri della locale Stazione fornendo una descrizione della giovane donna.

I militari dell'Arma, si sono immediatamente attivati nella ricerca della della giovane, rintracciandola in poco tempo, nascosta in un anfratto tra i vicoli del centro storico. La donna vistasi ormai scoperta e senza via di fuga, ha ammesso il furto ed ha consegnato spontaneamente la refurtiva che è stata restituita alla legittima proprietaria.

Di Giovanni Vasana è stata dunque tratta in arresto e, su disposizione dell'A.G., condotta presso la propria abitazione di Marsala in regime di detenzione domiciliare.

Tale vicenda, conclusasi fortunatamente a lieto fine, costituisce ancora una volta l'occasione per ribadire e ricordare a tutte le persone anziane e specialmente a quelle che vivono da sole in casa, di fare attenzione alle truffe e non fare entrare in casa persone sconosciute, allertando immediatamente le forze dell'ordine della presenza di persone sospette cosicché si possa procedere ai necessari controlli.

Letto 3215 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>