Il Consiglio Comunale di Castellammare del Golfo si impegna sulla variante urbanista del depuratore

Pubblicato: mercoledì, 18 febbraio 2015
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
1
consiglio comunale dep 16 febbraio 2015 (1)

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. E' stato approvato dal consiglio comunale di Castellammare, riunitosi lunedì pomeriggio alle 18, in seduta straordinaria urgente,la “presa d’atto del progetto preliminare relativo ai lavori per la realizzazione del nuovo impianto di depurazione da ubicare interrato alla radice del molo foraneo, relativi emissari e condotta di scarico sottomarina. Atto di indirizzo per la giunta municipale per la redazione della variante allo strumento urbanistico”. 19 consiglieri presenti su 20 (assente il consigliere Rosalba Cassarà). Tredici i voti favorevoli: quelli dei consiglieri di maggioranza e del consigliere di minoranza Giacomo Asaro. Hanno votato contro sei consiglieri di minoranza: Palmeri, Motisi,  Norfo, Fausto, Labita e Stefano Cruciata.

Un passo in avanti, sebbene molto lento, che servirà ad avviare le procedure per il progetto definitivo nel minor tempo possibile. In effetti già parecchio tempo è stato perso,  in considerazione che la prima scadenza venne fissata il 31 dicembre del 2014 e successivamente prorogata fino al 31 dicembre del 2015. Adesso non sono più ammessi ritardi, altrimenti il Comune di Castellammare del Golfo verrà nuovamente rinviata a data da destinarsi la realizzazione dell'opera. Il progetto, essendo Castellammare in procedura di infrazione comunitaria perché non provvista di impianto di depurazione, è stato finanziato con la delibera Cipe numero 60 del 2012.

«Vorrei sottolineare che non si è mai scelta una diversa soluzione progettuale rispetto a quella prospettata dai precedenti amministratori. Il sito rimane quello individuato ma si sono apportare delle modifiche perché evidenziate e ritenute necessarie dagli esperti -afferma il sindaco Nicolò Coppola-:  il 15 luglio 2013, infatti, si è tenuto un confronto tecnico alla mia presenza, con il Rup, ingegnere Simone Cusumano, il supporto al Rup, ingegnere Simone Vuturo, il professore Gaspare Viviani, l’ingegnere Michele Torregrossa ed il professore Nicola Nocilla, del Dicam, consulenti e collaboratori per il progetto del depuratore, e l’ingegnere Damiano Galbo, già consulente e collaboratore per le attività tecniche relative alla redazione del progetto preliminare. In tale confronto tecnico, all’unanimità, è stato ritenuto necessario apportare alcune modifiche all’originario progetto preliminare, sia relativamente al sistema di collettamento fognario, sia dell’impianto di depurazione. In tale confronto tecnico, al fine di  eliminare tutti gli impianti di sollevamento di eliminare il punto di minimo della condotta in pressione che avrebbe comportato sedimentazione di sostanze solide e per minimizzare i costi di realizzazione dell’impianto, i costi energetici e i costi di gestione -prosegue il sindaco-, è stata proposta la possibilità di verificare la fattibilità di realizzare a gravità il collettore principale, che si svilupperà da via Medici fino al nuovo impianto di depurazione con una condotta di sezione e pendenza adeguata a gravità, in sostituzione della condotta in pressione, tale da giungere ad una quota di ingresso del nuovo impianto di depurazione da allocare nell’area antistante all’ingresso delle gallerie previste nel progetto, cioè scavando a cielo aperto sull’ammasso roccioso da quota 13 metri slm a quota 3 metri sul livello del mare, collocando la base delle vasche dell’impianto  poste a partire da quota  0 sul livello del mare. Questo al fine di minimizzare i costi di sollevamento dei reflui e realizzare i comparti dell’impianto in ambienti facilmente accessibili, atteso che l’accesso all’impianto di depurazione avverrebbe dal piazzale del porto». 

Il sindaco Nicolò Coppola afferma che «nella preconferenza di servizi della commissione regionale Lavori pubblici, tenutasi in data 11 febbraio, è stato dato parere favorevole al progetto, rinviando il tutto alla nuova conferenza di servizi della commissione regionale, che si terrà dopo aver acquisito la delibera del consiglio comunale votata favorevolmente ieri, con la quale alla giunta viene dato atto di indirizzo per avviare le procedure per la redazione della variante allo strumento urbanistico. Ricordo che il 20 agosto 2014, il progetto preliminare, rielaborato secondo quanto impartito dal Ministero dell’Ambiente è stato inoltrato all’assessorato regionale perché potesse essere sottoposto nuovamente alla verifica da parte del Ministero che ha espresso definitivamente il proprio parere favorevole in data 22 dicembre 2014 – conclude il sindaco Nicolò Coppola. La diversa soluzione progettuale è stata, in sostanza, richiesta dal Ministero dell’Ambiente e basata sul trattamento in loco dei liquami prodotti nell’area di Scopello, evitando la realizzazione della condotta sottomarina prima prevista, ed invitando nel contempo a rivedere il dimensionamento anche  dell’impianto di depurazione di Castellammare. Quindi abbiamo provveduto ad adeguare il progetto preliminare alla nuova ipotesi progettuale richiesta, tramite il dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Aerospaziale dell’Università degli studi di Palermo. Si tratta di atti necessari e richiesti per procedere con l’iter».

Dopo la relazione del sindaco Nicolò Coppola, l’iter tecnico è stato illustrato dal dirigente dei Lavori Pubblici dell’ufficio tecnico Comunale, ingegnere Simone Cusumano, responsabile unico del procedimento. Presenti in aula, per rispondere alle richieste di chiarimenti dei consiglieri, gli ingegneri Simone Vuturo, supporto al Rup, e Annalisa Agrusa. Con la delibera approvata, il consiglio comunale “prende atto del nuovo progetto preliminare per il nuovo impianto di depurazione da ubicare interrato alla radice del molo foraneo, relativi emissari e condotta di scarico sottomarina, dell’importo complessivo di 18.300.000,00…” e della “necessità di redigere la variante allo strumento urbanistico, dando mandato alla giunta municipale, di attivare tutte le procedure necessarie per la redazione di tale variante e di tutti gli atti necessari alla realizzazione dell’opera”.

Letto 913 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>