Condannato Giacomo Scala a risarcire 46 mila euro al Comune di Alcamo

Pubblicato: giovedì, 5 febbraio 2015
Vota l\'articolo
18
Vota l\'articolo
0

giacomo-scala-alcamoL'ex Sindaco di Alcamo, Giacomo Scala, è stato condannato a risarcire 46 mila euro al Comune di Alcamo, per aver affidato un incarico definito dalla Corte dei Conti, "illegittimo perché conferito al di fuori dei limiti posti dal legislatore regionale". Scala dovrà inoltre pagare allo Stato le spese di giudizio che ammonterebbero a circa 450 euro. La condanna riguarda l'incarico affidato tra il 2007 e il 2008 al consulente Liborio Ciacio, secondo i magistrati contabili il primo cittadino non era legittimato a farlo.

Per la Corte dei Conti, il consulente Ciacio, oltre ad essere sprovvisto di una Laurea la sua qualifica di tecnico agrario enologo è priva di qualsiasi ragionevole collegamento con l'attività da espletare.

Sebbene gli amministratori pubblici hanno un certo grado di autonomia non li esime - si legge nella sentenza - dal rispetto del canone di ragionevolezza e di quello del buon andamento della pubblica amministrazione, al fine precipuo di scongiurare che “la previsione dell'assunzione (sia pure a tempo determinato) di personale sfornito dei requisiti normalmente richiesti per lo svolgimento delle funzioni che è destinato ad espletare determini l'inserimento nell'organizzazione pubblica di soggetti che non offrono le necessarie garanzie di professionalità e competenza.

Per quanto riguarda invece l'altro l'incarico contestato, affidato tra il 2002 e il 2008 ad Antonio Fundarò, attualmente consigliere comunale, la richiesta della procura contabile è stata rigettata (per fundarò la cifra contestata in danno erariale era di 94 mila euro). Su questa vicenda Scala era stato rinviato a giudizio per abuso d'ufficio e falsità ideologica, condannato in primo grado ad un anno e due mesi di reclusione è stato assolto successivamente in appello "perchè il fatto non sussiste".

Sebbene dal punto di vista penale l'ex Sindaco Scala ne sia uscito con l'assoluzione, dal punto di vista della responsabilità amministrativa è arrivata lo stesso una condanna parziale che non gli ha permesso di chiudere completamente questa vicenda.

 
Letto 5449 volte.
2 Commenti
Dì la tua
  1. Elio ha detto:

    La giustizia è strana e porta il cittadino a non credere più in Essa. Come mai è stato assolto penalmente e condannato per responsabilità amministrativa? … e se c’era responsabilità amministrativa come mai il Suo degno Segretario è completamente fuori dai guai?
    Il dubbio sorge spontaneo …. sono stati oleati binari alternativi?

    • alice ha detto:

      La giustizia sarà anche strana ma poggia su dei capisaldi che bisogna un minimo conoscere.
      Il fatto non è penalmente rilevante. I reati penali sono tipici nel senso che sono espressamente previsti dal codice di diritto penale.
      Il fatto costituisce un danno che è disciplinato da altre norme.
      Riguardo il segretario bisogna sapere che questa figura non assume alcuna decisione.
      Al limite può consigliare, ma si sà, dei consigli uno può farne quello che vuole.
      In questo caso credo che non ci sono ne oli ne binari alternativi.
      E’ pur vero che le smanie di tornare sula scena politica, in via diretta o indiretta, subiranno un rallentamento.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>